Le fave a cunigghio ( a coniglio ), cosi’ dette: perchè si mangiano con le mani, con una leggera pressione del pollice e dell’indice e incidendo la buccia con i denti, da qui il nome “a coniglio” perchè appunto ricorda il modo di mangiare del coniglio. Piatto povero della tradizione siciliana, con pochi ingredienti, risultano molto saporite.  Si possono preparare sia con le fave fresche che con quelle secche con la buccia, naturalmente cambiano i tempi di cottura.

INGREDIENTI PER LE FAVE A CUNIGGHIO ( A CONIGLIO )

Per 4 pers.

800 gr. di fave fresche grosse, le favette non sono adatte, già sgusciate

5-6 spicchi di aglio

Olio evo

Origano

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Mettere le fave in acqua fredda con gli spicchi di aglio in camicia, portare a bollore, aggiungere il sale e finire di cuocere. Scolarle e condirle con abbondante olio, pepe e origano. Le fave a cunigghio ( a coniglio) son pronte da portare a tavola. BUON APPETITO

E’ tradizione mangiarle per la festa dei morti. Sono cucinate secondo il rito romano della Lemuria, in cui, a parte che mangiate, le fave nere, nel cui seme, secondo leggenda, si trovavano le lacrime dei trapassati, venivano lanciate a terra dal padre di famiglia per allontanare le anime dei defunti; De Gubernatis narra di questo rito funebre in Storia Popolare.

LE FAVE

Le fave sono composte per l’80% da acqua, 12% da carboidrati, 5,5% da proteine e la restante percentuale è divisa tra fibre e ceneri; tra i minerali troviamo invece il calcio, il fosforo, il sodio, potassio, ferro, magnesio, zinco e selenio.
Per quanto riguarda le vitamine sono presenti la B1, B2, B3, B5 e B6 e la vitamina C; questi invece gli aminoacidi presenti nelle fave in maggior percentuale: acido aspartico, acido glutammico, alanina, arginina, leucina, tirosina, treonina, triptofano e valina.
Le fave sono tra tutti i legumi il meno calorico ma comunque con un alto potere nutritivo; sono particolarmente indicate per contrastare l’anemia.

Commenti disabilitati su FAVE A CUNIGGHIO ( A CONIGLIO )