Crea sito

Uova

UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

| Uova

Le uova strapazzate agli spinaci, buone, semplici da preparare e piacciono anche ai più piccini

INGREDIENTI PER LE UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

Per 4 pers.

500 gr. di spinaci già puliti

5 uova

4 cucchiai di panna da cucina

4 cucchiaiate di parmigiano grattugiato

40 gr. di burro

 Sale e pepe 

PROCEDIMENTO


Lessare gli spinaci con la sola acqua grondante del lavaggio, salare poco e cuocere 4-5 minuti. Scolarli, lasciarli intiepidire e strizzarli. Fare sciogliere in una padella antiaderente il burro,  farvi insaporire gli spinaci tagliuzzati, pepare e aggiustare di sale. Sbattere le uova con poco sale, la panna e il parmigiano, versare sugli spinaci e mescolare fino a cottura delle uova. Servire le uova strapazzate agli spinaci calde. BUON APPETITO

CURIOSITA’

GLI SPINACI

Gli spinaci, uno dei prodotti ortofrutticoli più diffusi sul pianeta, sono una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae. Possono raggiungere l’altezza di 70 cm circa con grosse foglie verde scuro.
Le origini delle spinaci paiono risalire al continente asiatico, e precisamente in Nepal, dove pare siano stati coltivati per la prima volta; tuttavia esistono testimonianze che asseriscono che già nel cinquecento, a Firenze, le suore benedettine coltivassero già le spinaci nei loro orti.
Il periodo di raccolta delle spinaci va da novembre fino a marzo.
Gli spinaci sono caratterizzati da un alto contenuto di vitamine A e C e in minore quantità, vitamine B, D, F, PP e K; oltre alle vitamine troviamo una discreta quantità di minerali quali rame, potassio, zinco, calcio e fosforo. Cento grammi di spinaci contengono: 90 gr. di acqua, 2 gr. di fibre, 3,4 di proteine, 0,7 gr, di grassi e 3 grammi di carboidrati.
Molto importante, come andremo a vedere, la presenza nelle spinaci della luteina, un carotenoide con particolari proprietà utili alla vista. Gli spinaci occupano una posizione rilevante nella classifica degli alimenti con proprietà utili all’organismo umano; una scoperta molto recente attesta che gli spinaci hanno proprietà molto utili alla vista. La luteina, contenuta in buona quantità nelle foglie di spinaci, ha la capacità di penetrare nel sangue e di depositarsi negli occhi, in particolare nella retina, apportando così ottimi benefici alla vista.

Commenti disabilitati su UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

| Uova

Buonissima la frittatona di patate e cipolle, una vecchia ricetta che è sempre apprezzata.

INGREDIENTI PER LA FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

Per 4 pers.

4 patate medie

Due cipolle grandi

Sette cucchiai di olio evo

Sei uova

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Tagliare a dadini: le patate dopo averle pelate e lavate. Pelare le cipolle, lavarle, asciugarle e tagliarle a fettine. In una larga padella mettere cinque cucchiai di olio, le patate e le cipolle. Far brasare a fuoco medio-basso,  fino a cottura,salare e pepare. Sbattere non molto (giusto il tempo per amalgamarle)  le sei uova con un pizzico di sale e pepe, poi aggiungere le verdure, mescolare e cuocere la frittata in padella con due cucchiai di olio. Servire la frittatona di patate e cipolle, calda o tiepida. BUON APPETITO

CURIOSITA’

CIPOLLE

Appartiene alla famiglia delle Liliacee, viene coltivata in ogni parte del mondo e rappresenta uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo. La cipolla è un prodotto dell’orto molto antico, utile in cucina e ricca di proprietà terapeutiche. È una pianta erbacea che cresce ogni due anni, ma generalmente viene coltivata e in questo caso, produce i suoi bulbi annualmente. Il terreno sul quale cresce è generalmente un terreno fertile che non teme climi diversi, anche se “predilige” una temperatura piuttosto fredda. L’Emilia-Romagna, la Campania, la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni più accreditate per la coltivazione di questo prodotto. La parte che noi mangiamo è il “bulbo” centrale, che può essere consumato sia crudo che cotto. Come riconoscere l’integrità di una cipolla e capire se è davvero fresca? È importante osservarne la forma che dovrà essere compatta, piuttosto soda e senza ammaccature o “strane” macchie, tipo muffa. La cipolla ha un gusto particolare che regala alle pietanze un sapore gradevole e spesso viene utilizzata come “base” per la preparazione di minestre, risotti, carni e gustosissimi sughi.

Commenti disabilitati su FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO

| Uova, Verdure

La frittata di asfodelo selvatico: una pianta spontanea di cui i nostri terreni ne sono pieni, dal sapore dolce. lo si può raccogliere nei prati oppure come me, comprare nei mercatini rionali, dove c’è sempre qualche vecchietto con il suo banchetto di erbe spontanee.

INGREDIENTI PER LA FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO

Per 4 pers.

Una ventina di ciuffi di asfodelo

8 uova

Sale e pepe q. b.

Olio evo

PROCEDIMENTO

Eliminare da ogni ciuffo di asfodelo tutte le foglie esterne filiforme.

Alla fine dovrà rimanere solo il tubercolo centrale. infatti va raccolto quando ancora non ha iniziato a fiorire.

Man mano che si puliscono immergerli in una bacinella con acqua.

Lessarli in acqua bollente salata per 5 min. Scolarli bene e farli rosolare in 4 cucchiai di olio in padella. In una ciotola sbattere le uova con sale e pepe, versarle in padella sull’asfodelo e cuocere la frittata da ambedue i lati. Servire la frittata di asfodelo selvatico, ben calda. BUON APPETITO

CURIOSITA’

L’ASFODELO

Pianta annuale bulbosa vegetante sin dall’inizio dell’inverno e fioriture da marzo a maggio, secondo l’altitudine. Presenta foglie lineari lunghe ed acuminate tutte basali, con stelo fiorale emergente nel centro del cespo. 1 tuberi di asfodelo per il loro elevato contenuto in amidi, sono assimilabili ai tuberi di patata, con gusto però più dolciastro. Anche se non di uso domestico, i tuberi essiccati sono utilizzati industrialmente per la preparazione della fecola di patate nella proporzione 1:3 (1 asfodelo e 3 patate). L’Asfodelo ha una lunga tradizione popolare. I tubercoli sono commestibili e sono stati usati come alimento durante le carestie e la prima guerra mondiale. I pricipi attivi in essi contenuti sono carboidrati, adatti anche per la panificazione, glucosidi e piccole quantità di alcaloidi, che ne sconsigliano l’impiego terapeutico per uso interno.
Applicato in cosmesi, come topico emolliente, rinfrescante e decongestionante per le pelli irritate, per schiarire le efelidi, per gli eritemi e scottature solari. Sembra che i fitoestratti siano lenitivi per i danni causati dalla psoriasi.
Era impiegato anche come diuretico ed anticatarrale. Il carbone ottenuto dai fusti della pianta ha proprietà assorbenti utile nelle terapie tossicologiche.

Commenti disabilitati su FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO

FRITTATA DI ZUCCHINE AL FORNO

| Uova

La frittata di zucchine al forno: può costituire un ottimo accompagnamento per un aperitivo, in un buffet o un semplice e leggero secondo piatto.

fritzuc

INGREDIENTI PER LA FRITTATA DI ZUCCHINE AL FORNO

Per 4 pers

4 zucchine piccole o 3 medie

Uno spicchio di aglio

Olio evo

6 uova

50 gr. di parmigiano grattugiato

Mezzo cucchiaio di farina 00

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Lavare,asciugare e spuntare le zucchine, metterle tagliate a dadini in una padella con 3 cucchiai di olio evo e lo spicchio di aglio tritato finemente.

fritzuc1

 Fare cuocere 10 min. a fuoco medio, salare e pepare. In una ciotola sbattere le uova con: il parmigiano, sale, pepe e la farina. aggiungere le zucchine tiepide e mescolare. Versare in una teglia antiaderente leggermente oleata ( io ne ho usata una di 20 cm. per 20 cm. ), infornare a 180° per venti min. fare la prova stecchino come per le torte. La frittata di zucchine al forno: può essere servita calda come secondo piatto, a temperatura ambiente come antipasto. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LE ZUCCHINE

La pianta delle zucchine, nome scientifico Cucurbita Pepo, è un’erbacea rampicante appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa a cui appartengono i meloni. I suoi frutti sono generalmente di colore verde, nelle sue diverse tonalità. Le zucchine traggono le loro origini dal continente americano ed attualmente vengono coltivate un po’ in tutto il mondo.
Le varietà di zucchine sono molto numerose e, in molto casi, prendono il nome dal luogo in cui vengono coltivate, le più conosciute sono la nana verde di Milano, la zucchina bolognese, la tonda di Firenze e la grigia genovese.
Come altri ortaggi provenienti da paesi particolarmente caldi, le zucchine prediligono climi temperati e soffrono particolarmente gli sbalzi di temperatura tendenti al freddo. Il loro periodo di raccolta coincide con la primavera anche se attualmente, grazie alle serre e all’importazione, sono presenti sul mercato tutto l’anno. Sono composte per il 92% da acqua, dal 2,7% da proteine dall’1% da ceneri, dall’1% da fibre alimentari e dallo 0,5 % da grassi.

 

Commenti disabilitati su FRITTATA DI ZUCCHINE AL FORNO

PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

| Insalate, Uova, Verdure

Il piatto freddo di patate e uova: un classico per le insalate, qui arricchito dalle cipolle. Semplicemente saporito e facile da preparare.

patuova1

INGREDIENTI PER IL PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

Per 4 pers.

800 gr. di patate

4 uova

Due cipolle rosse di Tropea

5 cucchiai di olio evo

Due cucchiaini di aceto di mele

Sale e pepe

Un cucchiaino di origano

PROCEDIMENTO

patuova

Lessare le patate con la buccia in acqua salata dopo averle lavate per bene. Rassodare le uova per 10 min. Pelare, lavare le cipolle e cuocerle ( io al microonde per 7-8 min dopo avervi praticato alcuni taglietti con un coltello. Oppure cuocerle nel forno a 190° per 30 min. avvolte in carta di alluminio o carta forno. Lasciare intiepidire le patate, pelarle e tagliarle a tocchi. Sgusciare le uova e tagliarle a spicchi e affettare le cipolle. Sistemare il tutto in una insalatiera. In una ciotola emulsionare con una forchetta l’olio, l’aceto, il sale, il pepe e l’origano. Versare sull’insalata e mescolare. Far riposare 10 min e servite il vostro piatto freddo di patate e uova. BUON APPETITO

patuova2

CURIOSITA’

CIPOLLE

Appartiene alla famiglia delle Liliacee, viene coltivata in ogni parte del mondo e rappresenta uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo. La cipolla è un prodotto dell’orto molto antico, utile in cucina e ricca di proprietà terapeutiche. È una pianta erbacea che cresce ogni due anni, ma generalmente viene coltivata e in questo caso, produce i suoi bulbi annualmente. Il terreno sul quale cresce è generalmente un terreno fertile che non teme climi diversi, anche se “predilige” una temperatura piuttosto fredda. L’Emilia-Romagna, la Campania, la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni più accreditate per la coltivazione di questo prodotto. La parte che noi mangiamo è il “bulbo” centrale, che può essere consumato sia crudo che cotto. Come riconoscere l’integrità di una cipolla e capire se è davvero fresca? È importante osservarne la forma che dovrà essere compatta, piuttosto soda e senza ammaccature o “strane” macchie, tipo muffa. La cipolla ha un gusto particolare che regala alle pietanze un sapore gradevole e spesso viene utilizzata come “base” per la preparazione di minestre, risotti, carni e gustosissimi sughi. Ma non solo: diversi sono i piatti che la contengono: i francesi ad esempio vanno matti per la zuppa di cipolle, nota in tutto il mondo, ma anche le cipolle ripiene, quelle crude in insalata e la frittata, hanno la loro notorietà.

Commenti disabilitati su PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

FRITTATA FANTASIA

| Uova

Ottima idea questa golosa frittata fantasia,per la cena o un pranzo con piatto unico,   basta aggiungere un panino e un frutto ed il pasto sarà completo.

agadir1

INGREDIENTI PER LA FRITTATA FANTASIA

Per 4 Pers.

8 uova

Una scatola di tonno sotto olio da 170 gr.

Due spicchi di aglio

Una decina di foglie di menta

Una patata media già lessata

sale e pepe q.b-

Olio evo per cuocere la frittata

PROCEDIMENTO

Sbattere le uova con un pizzico di sale e pepe. Unire il tonno  sgocciolato e sbriciolato, il trito di aglio e menta e la patata  a dadini. Usare una padella da cui poter ricavare 4 porzioni. farvi scaldare l’olio e versare le uova. Cuocere da ambo le parti a fuoco medio fino a doratura. La vostra frittata fantasia è pronta per essere servita. BUON APPETITO

agadir2

CURIOSITA’

LA MENTA

La pianta di menta è un’antica e famosa pianta officinale che già gli Egiziani utilizzavano nel 100 AC. Anche gli antichi Romani conoscevano molto bene le sue molteplici proprietà benefiche. I tipi di menta sono molti ed è perciò difficile dire per ognuno quale fosse in passato la sua indicazione terapeutica.
La Menta  fa parte della famiglia delle Labiatae  I componenti attivi sono: mentolo, canzona, tannino, acido acetico, varianico e cineolo. Le parti utilizzate sono le foglie e le sommità fiorite. Si tratta di una pianta perenne eretta, con fiori disposti in verticilli, il fusto è peloso e le foglie ovate sono molto aromatiche. Le corolle dei fiori sono di colore rosato. È una pianta da giardino che fiorisce in estate e si riproduce dai polloni. La menta  contiene un alto quantitativo di olio essenziale, costituito fino al 50% da mentolo. Grazie ad esso la pianta è in grado di proteggere le mucose gastriche e di attenuare la nausea e il vomito. Inoltre stimola la produzione di bile normalizzandola ed è d’aiuto in caso di calcoli biliari. La pianta, infine, svolge una blanda azione antispastica e disinfettante. Nella menta sono presenti anche tannini, dall’effetto benefico sull’intestino irritato o infiammato.

2 Commenti

CIALLEDDA CALDA DI MATERA

| Uova, Verdure

La cialledda calda di Matera  ( ne esiste anche una versione fredda ) fa parte dei buonissimi piatti poveri di una volta. Pochi ingredienti che i contadini si potevano permettere e quando persino l’aggiunta di un uovo era un lusso.

cialledda

INGREDIENTI PER LA CIALLEDDA CALDA DI MATERA

Per 1 pers.

100 gr. di cime di rapa già lessate

Un cucchiaio di olive nere

Un bicchiere e mezzo di acqua

Un pomodoro maturo

Un uovo

Due cucchiai di olio evo

sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Mettere l’acqua in una padella e portare a  bollore. Poi unire le cime di rapa già lessate e scolate, le olive nere, il pomodoro maturo a pezzetti, sale, pepe e olio, fare cuocere 15 min. a fuoco medio. Aggiungere l’uovo e cuocere altri 3 min. Versare in un piatto da minestra  foderato con due fettine di pane raffermo tostato in forno e servire la cialledda calda di Matera ben calda.

CURIOSITA’

Cime di rapa

Le cime di rapa non sono le foglie della rapa! Per dirla tutta, l’alimento comprende anche certe foglie, ma la porzione di maggior pregio è costituita dagli steli e dai fiori ancora ben chiusi Le cime di rapa vanno mangiate cotte. Le rispettive metodiche di preparazione variano essenzialmente in base al prodotto che si desidera ottenere, ma ciò che accomuna tutte le ricette con cime di rapa è la pulizia e la mondatura; prima di tutto, è opportuno lavarle accuratamente; in secondo luogo richiedono l’eliminazione (se presente) della porzione radicale adesa al cespo e, nel caso, delle foglie rovinate.
E’ possibile distinguere i vari procedimenti in base a: materia prima e ricetta.Nel caso delle cime di rapa precoci e di piccole dimensioni, se si desidera lessarle: gettare solo le foglie in acqua bollente e, dopo 5′, anche i fiori; passati altri 5′ scolare il tutto.

Se invece la materia prima è costituita da cime di rapa tardive e di grosse dimensioni, oltre a quanto descritto sopra, in fase di mondatura e taglio diviene necessario decorticare i gambi e gli steli per eliminare la porzione esterna legnosa.

8 Commenti

SFORMATO CON PARMIGIANA DI MELANZANE

| Torte salate, Uova

La parmigiana rivisitata a modo mio, ogni tanto bisogna inventarsi qualcosa di nuovo e stavolta mi è riuscito benissimo…:P

parmfriINGREDIENTI

Per 4 pers.

Una melanzana

Una tazza di salsa di pomodoro fresco già pronta

Tre uova

Un cucchiaio raso di farina 00

Quattro sottilette alla mozzarella

Quattro cucchiai di parmigiano

Foglie di basilico

Sale q. b.

Pepe q. b.

Olio per friggere

Olio evo per ungere la pirofila

PROCEDIMENTO

Lavare, asciugare e tagliare a fette la melanzana, metterla in un colapasta cosparsa di sale. Lasciare spurgare una mezz’oretta, sciacquarla, asciugare bene e friggere in olio. Ungere con l’olio evo una pirofila da forno. Fare uno strato con tutte le fette di melanzana, coprire con la salsa di pomodoro, le sottilette

parmfri1

e un cucchiaio di parmigiano.

Sbattere le tre uova con sale, pepe e i tre cucchiai di parmigiano, aggiungere la farina senza far grumi.

parmfri2

Versare sulle melanzane e cospargere con le foglie di basilico spezzettate.

parmfri3

Infornare in forno già caldo a 175°-180°, per 20-25 min. Sfornare e far riposare 15 min.

parmfri4

Si possono servire sia calde che tiepide. Buon Appetito !

parmfri6

CURIOSITA’

La melanzana è un ortaggio tipicamente estivo, infatti, al di sotto dei 12°, la pianta smette di crescere; è un ortaggio che non può essere consumato crudo, in quanto, oltre ad avere un gusto non proprio gradevole, contiene una sostanza tossica il cui nome è solanina.
Molte sono le varietà esistenti di questo ortaggio, che, oltre al colore si differenziano per la forma, ovale, tonda e bislunga.
La melanzana è composta per il 92% da acqua, per il 3% da fibre alimentari, 1% proteine, carboidrati, ceneri e zuccheri.
Tra i minerali spicca in assoluto il potassio, seguito da fosforo e magnesio; in percentuale minore troviamo lo zinco, il ferro, il rame, il calcio il sodio e, in quantità bassissima, il selenio. 
Le melanzane contengono inoltre alcune sostanze amare, presenti anche nelle foglie dei carciofi, che contribuiscono a stimolare la produzione di bile ed anche ad abbassare il tasso di colesterolo “cattivo” nel sangue. Essendo un ortaggio molto povero di calorie e ricco di fibre, la melanzana è spesso inserita nelle diete dimagranti.

8 Commenti

CARCIOFI RIPIENI E UOVA AL SUGO

| Uova

I BUONISSIMI PIATTI DELLA TRADIZIONE CONTADINA SICILIANA DI UNA VOLTA.
caccocciuli
Per 3 pers. Ho pulito dalle foglie più dure 6 carciofi, tagliato via le punte, lavati e fatti lessare in acqua bollente salata per 5 min., poi messi a scolare. Nel frattempo in una ciotola ho mescolato: 100 gr. di mollica di pane raffermo sbriciolata finemente, 3 cucchiai di pecorino, sale, pepe, 2 spicchi d’aglio tritatissimi, 1 ciuffo di prezzemolo tritato, 2 cucchiai di mandorle tritate e 1 uovo. Con questo miscuglio ho riempito i carciofi, poi ho sbattuto 1 uovo e vi ho intinto la parte superiore dei carciofi, passati nel pangrattato e fatti friggere in olio, per creare 1 tappo in modo da non far fuoriuscire il ripieno. Preparato un sugo semplice di pomodoro passato e un soffritto di cipolla, salato, pepato e non appena ha accennato il bollore vi ho aggiunto i carciofi, coperchiato e fatto cuocere 25 min. In un padellino con 2 cucchiai d’olio vi ho fritto da ambedue le parti, girandoli delicatamente con 1 paletta 3 uova e 5 min. prima di spegnere li ho aggiunti al sugo. BUON APPETITO

Commenti disabilitati su CARCIOFI RIPIENI E UOVA AL SUGO

ROTOLO DI FRITTATA AL SALMONE

| Uova

Iniziamo con un buon piatto freddo da servire con un’insalata di pomodorini all’origano, ma va anche bene come antipasto.
rotoloalsalmoneeee
Sbattere 5-6 uova e unirvi 250 gr. di spinaci lessati e tritati, sale, pepe e un pochino di latte.
rotoloalsalmone1
Cuocere in forno in teglia antiaderente (io ne ho usata una 20×20).
rotolo-al-salmone2
Cuocere 20 min. a 180°, Versarla su un foglio d’alluminio,
rotolo-al-salmone3
Arrotolare a salame e far freddare.
Nel frattempo tritare a crema nel mixer 100 gr. di salmone affumicato con 150 gr. di robiola cremosa.
alberellisalmone3
Quando il rotolo è freddo srotolarlo e spalmare con la crema, riarrotolare a salame.
rotoloalsalmone4
Mettere in frigo almeno 2 ore e poi tagliare a rondelle.
rotoloalsalmone6
Servire
rotoloalsalmone

Commenti disabilitati su ROTOLO DI FRITTATA AL SALMONE