Crea sito

Uova

FRITTATA CON MELANZANE, PATATE E CIPOLLOTTI

| Uova

Ottima e golosa la frittata con melanzane, patate e cipollotti, cotta al forno. Come risolvere una cena aggiungendo solo pane e un frutto. Oppure tagliata a quadrotti per accompagnare l’aperitivo.

INGREDIENTI PER LA FRITTATA CON MELANZANE, PATATE E CIPOLLOTTI

Per 4 pers.

Una melanzana

Tre patate medie

Tre cipollotti

Cinque uova

Olio evo

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Foderare la placca del forno con carta forno, versarvi la melanzana pulita, lavata e tagliata a dadi, le patate pelate, lavate e tagliate a cubetti e i tre cipollotti sbucciati, lavati e tagliati a rondelle non sottili. Irrorare con olio evo, salare e pepare.

Infornare a 180° per 20-25 min. fin quando le verdure saranno cotte. Sbattere le uova con sale e pepe, unire le verdure cotte e mescolare. Versare in una teglia oleata leggermente ( io ne ho usata una di 20×20).

Mettere nel forno, sempre a 180° per 15-20 min. Sfornare la frittata con melanzane, patate e cipollotti, servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LE MELANZANE

La melanzana è composta per il 92% da acqua, per il 3% da fibre alimentari, 1% proteine, carboidrati, ceneri e zuccheri.
Tra i minerali spicca in assoluto il potassio, seguito da fosforo e magnesio; in percentuale minore troviamo lo zinco, il ferro, il rame, il calcio il sodio e, in quantità bassissima, il selenio.
Sul versante delle vitamine annoveriamo: vitamina A, quasi tutte le vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6 ), vitamina C, vitamina K, vitamina J e in quantità molto ridotta la vitamina E o Alpha-tocoferolo.
Molto lunga la lista degli aminoacidi presenti nella melanzana tra cui elenchiamo i principali: acido aspartico, acido glutammico, leucina,
valina, alanina, arginina, lisina e prolina.
Grazie al suo alto contenuto di acqua, la melanzana è considerata innanzitutto depurativa dell’organismo, ed è quindi consigliata nei casi di gotta, arteriosclerosi e problemi di infiammazione alle vie urinarie; la buona presenza di potassio e di altri minerali le conferisce poi proprietà rimineralizzanti e ricostituenti.

Commenti disabilitati su FRITTATA CON MELANZANE, PATATE E CIPOLLOTTI

TORTILLAS ( FRITTATA SPAGNOLA )

| Uova

Buonissima la tortillas ( frittata spagnola ), ottima da preparare sia a pranzo che a cena, per un buffet o tagliata a quadrotti per accompagnare l’aperitivo.

INGREDIENTI PER LA TORTILLAS ( FRITTATA SPAGNOLA )

Per 4 pers.

Due patate medio- grandi

Una grossa cipolla rossa

Un grande peperone rosso

Sei uova

Due cucchiai di parmigiano grattugiato

Sale e pepe

Olio evo

PROCEDIMENTO

Rosolare poco a fuoco basso in 4 cucchiai di olio: la cipolla a fettine, unire le patate pelate, lavate, asciugate e tagliate a fettine sottili. Unire anche il peperone lavato, asciugato e tagliato a listarelle sottili, salare, pepare e finire di cuocere coprendo con un coperchio. Sbattere le uova con il parmigiano, sale e pepe, aggiungere le verdure cotte e tiepide. Mescolare e versare in padella con due-tre cucchiai di olio per farne una frittata, cuocere per dieci minuti, rovesciare la tortillas ( frittata spagnola ) aiutandosi con un coperchio e cuocerla bene anche dall’altro lato per altri dieci  minuti.  Si può servire sia calda che tiepida. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LA TORTILLAS

Una leggenda narra che fu il generale Tomás de Zumalacárregui colui che, durante l’assedio di Bilbao, inventò la tortilla di patate come piatto semplice, rapido e nutriente per ovviare alla grande penuria dell’esercito carlista. Anche se non si sa con certezza, sembra che la tortilla quindi abbia cominciato a diffondersi durante le prime guerre durante il carlismo. Un’altra versione della leggenda narra che la pietanza sia stata inventata da una casalinga della Navarra, alla cui casa si fermò il già menzionato generale Zumalacárregui. Questa, molto povera e in possesso solo di un po’ di uova, cipolle e patate finì per assemblare questi tre ingredienti, miscuglio che fu così gradito al Generale da far sì che egli lo rendesse conosciuto. Infine, una nuova teoria sulla sua invenzione si deve al cuoco aragonese Teodoro Bardají Mas che il 17 marzo del 1935 nel settimanale “ellas” affermò di conoscere la ricetta originale della tortilla. Si trattava di quella che oggi è conosciuta come tortilla spagnola con la sola differenza che la cipolla e le patate non venivano precedentemente fritte. Con molta probabilità è questa l’origine della tortilla di patate come oggi viene intesa.

 

tratto da wikipedia

Commenti disabilitati su TORTILLAS ( FRITTATA SPAGNOLA )

ROTOLO DI FRITTATA AI FAGIOLINI E FONTINA

| Uova

Il rotolo di frittata ai fagiolini e fontina, oltre a essere buonissimo è anche molto versatile, può essere un’idea per la cena, un buffet, un antipasto ecc..

INGREDIENTI PER IL ROTOLO DI FRITTATA AI FAGIOLINI E FONTINA

Per 4 pers.

Sei uova

300 gr. di fagiolini

100 gr. di fontina a fette

60 gr. di parmigiano o grana grattugiati

4 cucchiai di latte

Un cipollotto

Sale e pepe

Burro per la pirofila

Due cucchiai di olio evo

PROCEDIMENTO

Pulire, lavare e lessare in acqua leggermente salata i fagiolini, scolarli. In una padella con due cucchiai di olio evo far brasare il cipollotto tritato, aggiungere i fagiolini, aggiustare di sale e pepe, lasciare insaporire 3-4 minuti. In una ciotola sbattere le uova con il parmigiano, il latte, sale e pepe. Ungere con il burro una pirofila quadrata o rettangolare di 24 cm., versarvi il composto di uova e infornare a 180° per 20 minuti. Sfornare, capovolgerla su un foglio di carta forno o alluminio, distribuirvi le fette di fontina, i fagiolini e arrotolare a salame, rimettere in forno per qualche minuto, giusto il tempo di far sciogliere bene il formaggio. Lasciare riposare 5 minuti il rotolo di frittata ai fagiolini e fontina, affettarla e servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

I FAGIOLINI

I fagiolini sono una fonte preziosa di vitamine e di sali minerali. Contengono soprattutto vitamina A, vitamina C, potassio, ferro e fosforo. Sono anche una fonte vegetale di calcio da non sottovalutare. Le proprietà benefiche dei fagiolini sono inoltre legate al loro contenuto di antiossidanti, come il betacarotene e la luteina. Gi antiossidanti aiutano il nostro corpo a proteggersi dall’azione dei radicali liberi e riparano la vista e la pelle dall’invecchiamento precoce.  Gli antiossidanti e i flavonoidi presenti nei fagiolini sono benefici per il cuore e per la circolazione e potrebbero anche risultare utili per proteggere il nostro organismo dalle infiammazioni.

 

 

 

Commenti disabilitati su ROTOLO DI FRITTATA AI FAGIOLINI E FONTINA

PIATTO DI UOVA CON PISELLI IN UMIDO

| Uova

Il piatto di uova con piselli in umido, cibo povero di una volta, semplice ma molto saporito, di quando la carne non sempre era disponibile e la si sostituiva con le uova.

INGREDIENTI PER IL PIATTO DI  UOVA CON PISELLI IN UMIDO

Per 4 pers.

4 uova

500 gr. di piselli

Una cipolla

Poco brodo vegetale

Sale e pepe

Olio evo

PROCEDIMENTO

 

Fare rosolare a fiamma bassa in  5 cucchiai di olio la cipolla tritata, unire i piselli, farli insaporire 3-4 minuti, bagnare a poco a poco con il brodo vegetale e portare a cottura al dente. Aggiustare di sale e pepare. A questo punto con il cucchiaio fare 4 fossette e in ognuna sgusciare dentro un uovo, facendo attenzione a non rompere il tuorlo, salare poco le uova e peparle. Lasciarle cuocere 8-10 minuti a secondo di come preferite il tuorlo, con coperchio. Servire caldo il piatto di uova con piselli in umido. BUON APPETITO

CURIOSITA’

I PISELLI

I piselli sono costituti dal 78% da acqua, 5,50% da zuccheri, 5% da fibre, proteine, carboidrati e, in piccolissima percentuale, da ceneri; i minerali sono invece calcio, sodio, fosforo, potassio, ferro, magnesio, zinco, selenio, rame e manganese.
Buona la presenza di vitamine: vitamina A, vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, E, K e J; questi gli aminoacidi: acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, isoleucina, leucina,
lisina, prolina, serina, tirosina, treonina, triptofano e valina.
I piselli, come le fave, sono i legumi il cui consumo più si adatta a quei soggetti affetti da problemi di meteorismo e di colite e che non possono quindi consumare fagioli e ceci. La presenza di vitamina C contribuisce a rafforzare le difese dell’organismo mentre il potassio in essi contenuti ha proprietà diuretiche. L’acido folico e la vitamina B6 invece apportano benefici all’apparato cardiovascolare mantenendolo quindi in salute cuore e vasi sanguigni; studi recenti hanno dimostrato che il consumo di piselli aiuta a tenere bassi i livelli di colesterolo “cattivo” ( LDL) nel sangue e contribuisce a tenere sotto controllo la glicemia.

Commenti disabilitati su PIATTO DI UOVA CON PISELLI IN UMIDO

CANNOLI DI FRITTATA CON POMODORO

| Uova

I cannoli di frittata con il pomodoro: non la solita frittata, un secondo piatto sfizioso, buonissimo semplice e veloce da preparare.

INGREDIENTI PER I CANNOLI DI FRITTATA CON IL POMODORO

Per 4 pers.

8 uova

600 gr. di polpa di pomodoro tritata fine

Due mozzarelle da 100 gr. ciascuna

Uno spicchio di aglio

Origano

4 cucchiaiate di parmigiano grattugiato

Olio evo

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

In una padella con tre cucchiai di olio rosolare lo spicchio di aglio intero, versarvi la polpa di pomodoro, salare e pepare. Cuocere 15 minuti coperta a fuoco medio. In una ciotola sbattere le uova con poco sale e pepe. Procedere come quando preparate le crepes ungendo un padellino antiaderente con olio, versarvi un mestolino di uova e ricavarne una alla volta tante frittatine sottili.  Su ogni frittatina spalmare un cucchiaio di pomodoro, qualche dadino di mozzarella, poco parmigiano. Arrotolarle a cannolo e disporle in una pirofila con un filo di olio, distribuirvi sopra il sugo rimasto, i rimanenti parmigiano grattugiato, mozzarella a dadini e un pizzico di origano.

Infornare a 180° per 15 minuti. Servire i cannoli di frittata con pomodoro ben caldi. BUON APPETITO

CURIOSITA’

POMODORO

Il pomodoro è costituito dal 93% di acqua. il 2,9% di carboidrati, lo 0,2% di grassi, 1% di proteine e 1,8% di fibre.
Gli zuccheri sono rappresentati da glucosio e fruttosio, mentre gli acidi maggiormente presenti sono quello citrico, che rappresenta il 90% degli acidi totali, e l’acido malico.
Gli aminoacidi del pomodoro comprendono tutti quelli ritenuti indispensabili per l’alimentazione: l’acido glutamminico, l’acido aspartico, la treolina e l’asparagina. Tra i pigmenti troviamo i carotenoidi, il licopene (87%) e il Beta-carotene.
Il licopene possiede una marcata azione antiossidante e da studi recenti si è scoperto che è in grado di rallentare la proliferazione di cellule tumorali. Secondo uno studio americano consumare regolamente pomodori diminuirebbe drasticamente il rischio di cancro alle ovaie per la donna e alla prostata per l’uomo. Inoltre, sempre nel pomodoro, sarebbero presenti due acidi capaci di evitare la formazione di sostanze cancerogene nell’organismo. Grazie al licopene il pomodoro svolge anche un’importante azione protettiva della pelle.

 

Commenti disabilitati su CANNOLI DI FRITTATA CON POMODORO

FRITTATA DI PATATE ALLA PEPPINA

| Uova

La frittata di patate alla Peppina, un modo diverso di prepararla. Molto gustosa e appetibile. 

INGREDIENTI PER LA FRITTATA DI PATATE ALLA PEPPINA

Per 4 pers.

Tre grosse atate

Sei uova

Due spicchi di aglio

Peperoncino

Un ciuffo di prezzemolo

5 cucchiai di olio evo

Sale

PROCEDIMENTO

 

Lavare le patate con la buccia e lessarle in acqua con sale. Pelarle e tagliarle a fettine sottili. Far soffriggere in una padella con 4 cucchiai di olio i due spicchi di aglio tritati e il peperoncino a piacere, unire le patate, salare e mescolare spesso. Unire il prezzemolo tritato e mescolare ancora per qualche minuto. Togliere dal fuoco e fare raffreddare. Sbattere le uova e unirvi le patate. Friggere in una padella dai bordi alti o in una teglia ungendole con il cucchiaio di olio rimasto, nel forno a 180° per 20-25 minuti o in padella sul gas fino a doratura. Servire la frittata di patate alla Peppina va servita calda o tiepida. BUON APPETITO

 

CURIOSITA’

LE PATATE

In Europa le patate giunsero solamente nel XVI secolo ad opera del conquistatore spagnolo Francisco Pizzarro.
Le patate, già dai tempi più remoti, godevano di una certa considerazione grazie alle loro proprietà sia curative che nutrizionali; in Italia, lo stesso Papa Pio IV, era un grande sostenitore delle proprietà curative delle patate grazie al fatto che venne guarito da una grave malattia proprio grazie ad una cura a base di patate.
Attualmente al mondo si contano circa duemila varietà di patate che possono essere divise per comodità in due grandi gruppi: patate a pasta bianca, piuttosto farinose e quindi adatte alla preparazione di purè ed alla frantumazione in generale, e patate a pasta gialla con polpa compatta ed adatte quindi ad essere cucinate intere o fritte.
Le patate contengono circa il 79% di acqua, il 15% di amido e la restante percentuale si divide tra ceneri, zuccheri, grassi, proteine e fibre alimentari; molto buona la percentuale di potassio presente nelle patate a cui si aggiungono il fosforo, il calcio, il sodio, il magnesio, il ferro, lo zinco, il rame ed il manganese.
Queste le vitamine presenti nella patata: B3, B5, B6, vitamina C, K e J. Gli zuccheri invece si dividono tra saccarosio, destrosio e fruttosio. Tra gli aminoacidi, quelli presenti in maggior percentuale sono: acido aspartico e glutammico, leucina, lisina, valina, arginina e serina.

 

Commenti disabilitati su FRITTATA DI PATATE ALLA PEPPINA

ROTOLO DI SPINACI AI WURSTEL

| Uova

Il rotolo di spinaci ai wurstel: una bella e golosa frittata presentata in modo diverso. Facile da preparare, sarà molto apprezzata dai vostri commensali.

INGREDIENTI PER IL ROTOLO DI SPINACI AI WURSTEL

Per 4 pers.

5 uova

4 cucchiai di parmigiano

300 gr. di spinaci già puliti

100 gr. di fontina

4 grossi wurstel

Sale e pepe

Burro per la pirofila

PROCEDIMENTO

Sbattere le uova con sale, pepe e il parmigiano, aggiungere gli spinaci lessati, scolati, strizzati e tagliuzzati. Versare il tutto in una teglia quadrata e antiaderente imburrata.

Infornare a 180° per 15 minuti. Poi rovesciare su un foglio d’alluminio.

Distribuirvi sopra la fontina a fettine e i  wurstel. Arrotolare a salame e rimettere in forno altri 5 minuti con tutta la carta di alluminio.

Eliminare la carta il foglio di alluminio, affettare e servire subito il rotolo di spinaci ai wurstel. BUON APPETITO

CURIOSITA’

SPINACI

Gli spinaci sono caratterizzati da un alto contenuto di vitamine A e C e in minore quantità, vitamine B, D, F, PP e K; oltre alle vitamine troviamo una discreta quantità di minerali quali rame, potassio, zinco, calcio e fosforo. Cento grammi di spinaci contengono: 90 gr. di acqua, 2 gr. di fibre, 3,4 di proteine, 0,7 gr, di grassi e 3 grammi di carboidrati.
Molto importante, come andremo a vedere, la presenza nelle spinaci della luteina, un carotenoide con particolari proprietà utili alla vista.
Gli spinaci occupano una posizione rilevante nella classifica degli alimenti con proprietà utili all’organismo umano; una scoperta molto recente attesta che gli spinaci hanno proprietà molto utili alla vista. La luteina, contenuta in buona quantità nelle foglie di spinaci, ha la capacità di penetrare nel sangue e di depositarsi negli occhi, in particolare nella retina, apportando così ottimi benefici alla vista.
Grazie alla ricchezza di minerali gli spinaci hanno proprietà lassative, tonificante ed apportano benefici anche al muscolo primario dell’organismo, il cuore. L’alto contenuto di acido folico apporta benefici al nostro sistema immunitario, rendendolo più “forte” e aiuta notevolmente l’organismo nella produzione di globuli rossi.

Commenti disabilitati su ROTOLO DI SPINACI AI WURSTEL

UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

| Uova

Le uova strapazzate agli spinaci, buone, semplici da preparare e piacciono anche ai più piccini

INGREDIENTI PER LE UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

Per 4 pers.

500 gr. di spinaci già puliti

5 uova

4 cucchiai di panna da cucina

4 cucchiaiate di parmigiano grattugiato

40 gr. di burro

 Sale e pepe 

PROCEDIMENTO


Lessare gli spinaci con la sola acqua grondante del lavaggio, salare poco e cuocere 4-5 minuti. Scolarli, lasciarli intiepidire e strizzarli. Fare sciogliere in una padella antiaderente il burro,  farvi insaporire gli spinaci tagliuzzati, pepare e aggiustare di sale. Sbattere le uova con poco sale, la panna e il parmigiano, versare sugli spinaci e mescolare fino a cottura delle uova. Servire le uova strapazzate agli spinaci calde. BUON APPETITO

CURIOSITA’

GLI SPINACI

Gli spinaci, uno dei prodotti ortofrutticoli più diffusi sul pianeta, sono una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae. Possono raggiungere l’altezza di 70 cm circa con grosse foglie verde scuro.
Le origini delle spinaci paiono risalire al continente asiatico, e precisamente in Nepal, dove pare siano stati coltivati per la prima volta; tuttavia esistono testimonianze che asseriscono che già nel cinquecento, a Firenze, le suore benedettine coltivassero già le spinaci nei loro orti.
Il periodo di raccolta delle spinaci va da novembre fino a marzo.
Gli spinaci sono caratterizzati da un alto contenuto di vitamine A e C e in minore quantità, vitamine B, D, F, PP e K; oltre alle vitamine troviamo una discreta quantità di minerali quali rame, potassio, zinco, calcio e fosforo. Cento grammi di spinaci contengono: 90 gr. di acqua, 2 gr. di fibre, 3,4 di proteine, 0,7 gr, di grassi e 3 grammi di carboidrati.
Molto importante, come andremo a vedere, la presenza nelle spinaci della luteina, un carotenoide con particolari proprietà utili alla vista. Gli spinaci occupano una posizione rilevante nella classifica degli alimenti con proprietà utili all’organismo umano; una scoperta molto recente attesta che gli spinaci hanno proprietà molto utili alla vista. La luteina, contenuta in buona quantità nelle foglie di spinaci, ha la capacità di penetrare nel sangue e di depositarsi negli occhi, in particolare nella retina, apportando così ottimi benefici alla vista.

Commenti disabilitati su UOVA STRAPAZZATE AGLI SPINACI

FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

| Uova

Buonissima la frittatona di patate e cipolle, una vecchia ricetta che è sempre apprezzata.

INGREDIENTI PER LA FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

Per 4 pers.

4 patate medie

Due cipolle grandi

Sette cucchiai di olio evo

Sei uova

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Tagliare a dadini: le patate dopo averle pelate e lavate. Pelare le cipolle, lavarle, asciugarle e tagliarle a fettine. In una larga padella mettere cinque cucchiai di olio, le patate e le cipolle. Far brasare a fuoco medio-basso,  fino a cottura,salare e pepare. Sbattere non molto (giusto il tempo per amalgamarle)  le sei uova con un pizzico di sale e pepe, poi aggiungere le verdure, mescolare e cuocere la frittata in padella con due cucchiai di olio. Servire la frittatona di patate e cipolle, calda o tiepida. BUON APPETITO

CURIOSITA’

CIPOLLE

Appartiene alla famiglia delle Liliacee, viene coltivata in ogni parte del mondo e rappresenta uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo. La cipolla è un prodotto dell’orto molto antico, utile in cucina e ricca di proprietà terapeutiche. È una pianta erbacea che cresce ogni due anni, ma generalmente viene coltivata e in questo caso, produce i suoi bulbi annualmente. Il terreno sul quale cresce è generalmente un terreno fertile che non teme climi diversi, anche se “predilige” una temperatura piuttosto fredda. L’Emilia-Romagna, la Campania, la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni più accreditate per la coltivazione di questo prodotto. La parte che noi mangiamo è il “bulbo” centrale, che può essere consumato sia crudo che cotto. Come riconoscere l’integrità di una cipolla e capire se è davvero fresca? È importante osservarne la forma che dovrà essere compatta, piuttosto soda e senza ammaccature o “strane” macchie, tipo muffa. La cipolla ha un gusto particolare che regala alle pietanze un sapore gradevole e spesso viene utilizzata come “base” per la preparazione di minestre, risotti, carni e gustosissimi sughi.

Commenti disabilitati su FRITTATONA DI PATATE E CIPOLLE

FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO

| Uova, Verdure

La frittata di asfodelo selvatico: una pianta spontanea di cui i nostri terreni ne sono pieni, dal sapore dolce. lo si può raccogliere nei prati oppure come me, comprare nei mercatini rionali, dove c’è sempre qualche vecchietto con il suo banchetto di erbe spontanee.

INGREDIENTI PER LA FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO

Per 4 pers.

Una ventina di ciuffi di asfodelo

8 uova

Sale e pepe q. b.

Olio evo

PROCEDIMENTO

Eliminare da ogni ciuffo di asfodelo tutte le foglie esterne filiforme.

Alla fine dovrà rimanere solo il tubercolo centrale. infatti va raccolto quando ancora non ha iniziato a fiorire.

Man mano che si puliscono immergerli in una bacinella con acqua.

Lessarli in acqua bollente salata per 5 min. Scolarli bene e farli rosolare in 4 cucchiai di olio in padella. In una ciotola sbattere le uova con sale e pepe, versarle in padella sull’asfodelo e cuocere la frittata da ambedue i lati. Servire la frittata di asfodelo selvatico, ben calda. BUON APPETITO

CURIOSITA’

L’ASFODELO

Pianta annuale bulbosa vegetante sin dall’inizio dell’inverno e fioriture da marzo a maggio, secondo l’altitudine. Presenta foglie lineari lunghe ed acuminate tutte basali, con stelo fiorale emergente nel centro del cespo. 1 tuberi di asfodelo per il loro elevato contenuto in amidi, sono assimilabili ai tuberi di patata, con gusto però più dolciastro. Anche se non di uso domestico, i tuberi essiccati sono utilizzati industrialmente per la preparazione della fecola di patate nella proporzione 1:3 (1 asfodelo e 3 patate). L’Asfodelo ha una lunga tradizione popolare. I tubercoli sono commestibili e sono stati usati come alimento durante le carestie e la prima guerra mondiale. I pricipi attivi in essi contenuti sono carboidrati, adatti anche per la panificazione, glucosidi e piccole quantità di alcaloidi, che ne sconsigliano l’impiego terapeutico per uso interno.
Applicato in cosmesi, come topico emolliente, rinfrescante e decongestionante per le pelli irritate, per schiarire le efelidi, per gli eritemi e scottature solari. Sembra che i fitoestratti siano lenitivi per i danni causati dalla psoriasi.
Era impiegato anche come diuretico ed anticatarrale. Il carbone ottenuto dai fusti della pianta ha proprietà assorbenti utile nelle terapie tossicologiche.

Commenti disabilitati su FRITTATA DI ASFODELO SELVATICO