Crea sito

Torte salate

PLUMCAKE AL PROSCIUTTO E FORMAGGIO

| Torte salate

Molto morbido e gustoso il plumcake al prosciutto e formaggio, per una cena o un buffet.

INGREDIENTI PER IL PLUMCAKE AL PROSCIUTTO E FORMAGGIO

Due uova

140 ml. di latte

160 gr. di farina00

Tre cucchiai di grana grattugiato

90 ml. di olio di semi di mais

Mezzo cubetto di lievito di birra

Un cucchiaino raso di sale

Pepe a piacere

150 gr. di prosciutto cotto a fette

150 gr. di emmental

PROCEDIMENTO

In una ciotola sbattere con le fruste elettriche le uova, unire il latte tiepido con il lievito sciolto dentro, il sale, il pepe, l’olio, il grana. Sempre sbattendo unire la farina setacciata fino a composto liscio. Coprire con uno strofinaccio e far lievitare nel forno spento con la sola luce accesa per un’ora e mezza. Nel frattempo tagliuzzare il prosciutto e tagliare a dadini l’emmental. Estrarre l’impasto dal forno e portarlo  a temperatura di 180°. Imburrare e infarinare uno stampo da plumcake. Mescolare il prosciutto e il formaggio all’impasto e versare il tutto nello stampo. Infornare per 35 minuti, fare la prova stecchino. Lasciare riposare il plumcake al prosciutto e formaggio almeno 15 minuti e servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LIEVITO DI BIRRA

Il lievito di birra si ottiene attraverso la selezione di microrganismi viventi, i Saccharomyces Cerevisiae, funghi microscopici unicellulari che vengono coltivati e fatti fermentare in appositi fermentatoi, dove si moltiplicano moltissime volte. Si chiama “di birra” perché è un residuo della fermentazione della birra, ma si può trovare anche altrove, per esempio sulla buccia di alcuni frutti. Il lievito di birra contiene molte proteine ad alto valore biologico e tutte le vitamine del gruppo B. È inoltre ricco di minerali, tra cui magnesiofosforopotassioferrocalcio e selenio; ha quindi un’azione rimineralizzante e aiuta a combattere l’astenia.
Ha potere disintossicante nei confronti del fegato ed è alleato di tutto l’apparato tegumentario, cioè di capelli, pelle, ciglia, unghie. Aiuta a combattere alcuni inestetismi cutanei, in particolare l’acne e le dermatiti. È utile al sistema cardiovascolare e metabolico perché contribuisce a tenere pulite le arterie e facilita l’azione dell’insulina. Aiuta a ripristinare la flora batterica intestinale.

Commenti disabilitati su PLUMCAKE AL PROSCIUTTO E FORMAGGIO

SFOGLIATA DI ZUCCHINE E CIPOLLE ROSSE

| Torte salate

La sfogliata di zucchine e cipolle rosse, molto saporita, costituisce un piatto unico. Si può anche servire come antipasto tagliandola a quadrotti o come primo piatto accompagnata da un’insalata.

INGREDIENTI PER LA SFOGLIATA DI ZUCCHINE E CIPOLLE ROSSE

Per 4 pers.

Pasta sfoglia, un rotolo

Due zucchine medie

Due cipolle rosse di Tropea

Due uova

200 ml. di panna da cucina

50 gr. di parmigiano o grana grattugiati

Olio evo

Sale e pepe

Latte per spennellare i bordi

PROCEDIMENTO

Lavare e asciugare le zucchine, tagliarle a rondelle alte mezzo cm. Pelare e lavare le cipolle, asciugarle e affettarle. Versare le due verdure in padella con quattro cucchiai di olio, sale e pepe. Coprire con un coperchio e lasciarle brasare. Spegnere e far raffreddare. Srotolare la pasta sfoglia e sistemarla alzando i bordi in una teglia con carta forno. In una ciotola sbattere le uova con la panna, il parmigiano o grana, sale e pepe. Mescolarvi le verdure e versare il tutto sulla pasta sfoglia, spennellare i bordi con latte. Infornare a 190° per 25-30 minuti o comunque fino a doratura. La sfogliata di zucchine e cipolle rosse va servita calda o tiepida. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LE ZUCCHINE

La pianta delle zucchine, nome scientifico Cucurbita Pepo, è un’erbacea rampicante appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa a cui appartengono i meloni. I suoi frutti sono generalmente di colore verde, nelle sue diverse tonalità. Le zucchine traggono le loro origini dal continente americano ed attualmente vengono coltivate un po’ in tutto il mondo.
Le varietà di zucchine sono molto numerose e, in molto casi, prendono il nome dal luogo in cui vengono coltivate, le più conosciute sono la nana verde di Milano, la zucchina bolognese, la tonda di Firenze e la grigia genovese.
Come altri ortaggi provenienti da paesi particolarmente caldi, le zucchine prediligono climi temperati e soffrono particolarmente gli sbalzi di temperatura tendenti al freddo.

Commenti disabilitati su SFOGLIATA DI ZUCCHINE E CIPOLLE ROSSE

TORTA SALATA CON ZUCCHINE E MELANZANE

| Torte salate

La torta salata con zucchine e melanzane può essere servita come antipasto, o in un buffet oppure come piatto risolvi cena. Semplice da preparare.

INGREDIENTI PER LA TORTA SALATA CON ZUCCHINE E MELANZANE

Per 4 pers.

Una melanzana

Una zucchina media

Un disco di pasta sfoglia

Due uova

Un bicchiere di latte

Due cucchiaiate di parmigiano o grana

Una mozzarella di 100 gr.

Sale e pepe

Latte per spennellare

Olio per friggere

PROCEDIMENTO

Tagliare a dadi la melanzana e la zucchina dopo averle lavate e asciugate, friggerle in olio abbondante, salarle e scolare dall’unto in eccesso su carta cucina.  (Se si vuole ottenere una preparazione più leggera si possono cuocere in forno dopo averle tagliate a dadi, condite con un po’ di olio evo e sale). In una ciotola sbattere le due uova con il bicchiere di latte, il parmigiano o il grana, sale e pepe. Aggiungere la mozzarella a dadini e le verdure fritte, mescolare. Foderare una teglia tonda con carta forno e disporvi il disco di pasta sfoglia, versarvi il ripieno, ripiegare i bordi e spennellarli con latte. Infornare a 190° per 30 min. circa o fino a doratura. Servire la torta salata con zucchine e melanzane dopo averla fatta riposare 10 minuti. BUON APPETITO

CURIOSITA’

LA PASTA SFOGLIA

La pasta sfoglia è una preparazione basilare di pasticceria, impiegata per molte ricette dolci o salate; gli alimenti più noti a base di pasta sfoglia sono: salatinitorte salate, torte dolci, “paste da bar salate” (tipo ricciola), “paste da bar dolci” (ripiene e non, tipo “cannoncino”, “trecce” ecc.) ecc. La pasta sfoglia si avvale di una ricetta piuttosto semplice, con pochi ingredienti; d’altro canto, la preparazione richiede diversi accorgimenti, senza i quali il risultato potrebbe essere scadente.
La pasta sfoglia è considerata un alimento tipicamente francese, anche se le sue origini richiamano fortemente l’alimentazione centro-mediterranea. Ovviamente, la ricetta antica era diversa rispetto a quella contemporanea: mentre la pasta sfoglia moderna viene preparata con acquafarinasale e burro, la prima ricetta (verosimilmente egiziana e poi greca) prevedeva l’impiego dell’olio di oliva. Ad ogni modo, sia la formula arcaica, sia quella moderna, richiedono un elevato impiego di grassi da condimento che, uniti ai carboidrati complessi della farina, strutturano il potere calorico della pasta sfoglia.

 

 

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/pasta-sfoglia.html

Commenti disabilitati su TORTA SALATA CON ZUCCHINE E MELANZANE

RUSTICI LECCESI DI ROSTICCERIA

| Torte salate

I rustici leccesi di rosticceria sono: Buonissimi, come risolvere un buffet o una cena.

INGREDIENTI PER I RUSTICI LECCESI DI ROSTICCERIA

Per 8 rustici

Due rotoli di pasta sfoglia rettangolare

300 ml. di latte

30 gr. di burro

30 gr. di farina 00

Una grattata di noce moscata

Due cucchiai di parmigiano grattugiato

100 gr. di mozzarella

Otto cucchiaiate di salsa di pomodoro già condita

Un uovo

Un cucchiaio di latte

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Per prima cosa preparare la besciamella: In una ciotola versare il latte e stemperarvi la farina evitando i grumi (io per sicurezza la faccio poi passare da un setaccino fine)  e la verso in un pentolino. Aggiungo il sale, pepe, la noce moscata e il burro. Mettere sul fuoco medio e iniziare a mescolare fino a quando non si addensa, quando è pronta fare raffreddare e unire il parmigiano e dadini di mozzarella. Con la pasta sfoglia fare dei dischi da 10 cm. di diametro, su metà dischi mettervi al centro una cucchiaiata  di besciamella e un cucchiaio salsa di pomodoro, spennellare i bordi con l’uovo sbattuto, chiudere con un altro disco e con le dita schiacciare tutto intorno per sigillare bene. Spennellare con l’uovo sbattuto unendo il cucchiaio di latte. Disporre su placca foderata con carta forno e infornare a 220° per 20-25 min. fino a doratura. Lasciare intiepidire i rustici leccesi di rosticceria e servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

I RUSTICI

il rustico è interamente composto di pasta sfoglia ripiena, il che lo rende gustoso ma soprattutto sostanzioso e talvolta un po’ pesante. Croce e delizia esattamente come la sua terra piena di contraddizioni, il rustico ha in realtà radici oscure. Non si sa molto della sua storia tranne che, a giudicare dagli ingredienti, non dovrebbe essere un piatto contadino. Il rustico si prepara infatti con due dischi di pasta sfoglia, il superiore un po’ più grande di diametro perché serve a ricoprire il ripieno all’interno, tradizionalmente a base di mozzarellafiordilatte e polpa di pomodoro. Le ipotesi sulla sua nascita ci dicono che probabilmente questa specialità non è venuta alla luce prima del XVIII secolo, periodo in cui è stata inventata la pasta sfoglia. Si può ipotizzare che il rustico sia nato in ambienti nobili e colti, forse in una Lecce prenapoleonica da tempo imbevuta di Illuminismo e cultura d’Oltralpe a tuttotondo, dalla letteratura alla tavola: più di qualcuno ha suggerito che il rustico sia nato come variante creativa e italiana dei vol-au-vent. Con il passare del tempo, accanto alla ricetta tradizionale, un altro elemento francese si è fatto strada nel ripieno del rustico: la besciamella. In questa variante la preparazione viene arricchita con pepe nero e noce moscata.

Tratto da Agrodolce

Commenti disabilitati su RUSTICI LECCESI DI ROSTICCERIA

TORTA DI SFOGLIA AL PROSCIUTTO

| Torte salate

La torta di sfoglia al prosciutto è un’idea gustosa per risolvere un pasto, semplice e veloce da preparare. Piacerà a grandi e piccini.

INGREDIENTI PER LA TORTA DI SFOGLIA AL PROSCIUTTO

Per 4 pers.

Un disco di pasta sfoglia

4 fette di prosciutto cotto

Due uova

100 ml. di panna da cucina

Tre cucchiai di parmigiano o grana grattugiati

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Aprire il disco di pasta sfoglia, disporlo in una teglia foderata con carta forno. Adagiarvi le fette di prosciutto cotto. In una ciotola sbattere le uova con il parmigiano o il grana, poco sale, pepe e la panna, versato  il tutto sul prosciutto. Infornare a 200° per 25 min. circa, fino a doratura. Lasciare riposare 5 min. e potrete servire la vostra torta di sfoglia al prosciutto. BUON APPETITO

CURIOSITA’

IL PROSCIUTTO COTTO

Il prosciutto cotto  è un  salume non insaccato  che si ricava dalla coscia o spalla del maiale, prepara a partire da maiali di peso inferiore ai 100 kg.  I loro prosciutti vengono messi in salamoia subito dopo l’abbattimento. Dopodichè si procede con la cottura che non è però in grado di sterilizzare completamente l’alimento. Per questo motivo il prosciutto cotto ha un tempo di conservazione limitato. Dal punto di vista nutrizionale il prosciutto cotto ha un discreto apporto calorico e lipidico; tuttavia contiene molti meno grassi e calorie rispetto ad altri salumi, compreso il prosciutto crudo. Rispetto a questo ultimo paga però una minore qualità delle carni riscontrabile specialmente nel prosciutto cotto magro spesso derivante da suini esteri allevati con particolari mangimi vietati in Italia. Gran parte dei prosciutti prodotti industrialmente contengono nitriti e nitrati, sostanze potenzialmente cancerogene che vengono neutralizzate dalla vitamina C. Per un peso di un etto di prosciutto si hanno 215 kcal, se lo priviamo del grasso visibili, le calorie scenderanno a 132 e pertanto è indicato a sostituire la carne una volta a settimana.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/tabelle-nutrizionali/prosciutto-cotto.htm

Commenti disabilitati su TORTA DI SFOGLIA AL PROSCIUTTO

SFOGLIATA ROSSO PEPERONE

| Torte salate

Buonissima la sfogliata rosso peperone, semplice da preparare e ottima da gustare.

INGREDIENTI PER LA SFOGLIATA ROSSO PEPERONE

Per 4 pers.

4 grandi peperoni rossi

6-7 aggiughe dissalate

80 gr. di grana grattugiato

150 gr. di scamorza fresca

Un disco di pasta sfoglia

Una noce di burro

Sale

Olio

PROCEDIMENTO

Arrostire nel forno i peperoni per 30 min. a 180°, chiuderli in un sacchetto di carta e farli intiepidire. Spellarli e tagliare a falde di 3 cm. di larghezza. Cospargere il fondo di una teglia di 24-26 cm. rivestita di carta forno e imburrata, cospargere con una parte di grana preso dagli 80 gr.  distribuirne anche sulle falde di peperoni, mettervi anche un pezzetto di acciuga

 e arrotolare i peperoni, adagiarli all’impiedi nella teglia uno vicino all’altro. Alla fine dentro ciascun rotolino inserire dei dadini di scamorza, salare leggermente, irrorare con un filo d’olio e cospargere con il restante grana,

quindi coprire con 1 disco di pasta sfoglia rimboccando il bordo all’interno. Bucherellare con una forchetta e infornare a 200° x 30 min. Farla intiepidire e poi sformarla rovesciandola su un piatto di portata. Lasciare riposare la sfogliata rosso peperone 5 min. e servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

PEPERONI

La presenza di fibre invece, rende i peperoni un alimento particolarmente indicato per le diete dimagranti, in quanto la loro assunzione aumenta la sensazione di sazietà.
Potassio e carotene invece, conferiscono ai peperoni proprietà diuretiche.
In ultimo, uno studio condotto presso l’Università dell’Illinois, approfondisce le proprietà della luteolina, sostanza contenuta nei peperoni ma anche nei finocchi e nel sedano; il risultato è che la luteolina sembra in grado di rallentare l’invecchiamento delle cellule del cervello con la conseguenza di migliorare la condizione della memoria. Come abbiamo visto le varietà di peperoni sono molte per cui qui di seguito ne elenchiamo qualcuna di quelle attualmente coltivata in Italia:
Peperone lungo di Nocera con forma allungata e verde, peperone di Cuneo con tipica forma quadrangolare, peperone di Capriglio di colore rosso o giallo e con forma di cuore, peperone Corno di bue, dal sapore dolce e dalla forma allungata, peperone di Senise, dolce dalla forma anch’esso allungata e di colore rosso, peperone di Pontecorvo, dolce e dalla polpa tenera e molto digeribile.
Anche se negli ultimi tempi la produzione è sensibilmente diminuita, l’Italia resta sempre uno dei maggiori produttori al mondo di peperoni; le principali regioni produttrici di peperoni sono il Piemonte, la Sicilia, la Puglia e la Basilicata. A quest’ultima, per quanto riguarda la varietà di peperoni Carmagnola è stato assegnato
il marchio Igp .
Ogni 100 grammi di peperone si ha una resa calorica pari a 20 kcalorie.

Commenti disabilitati su SFOGLIATA ROSSO PEPERONE

TORTA SALATA FRIARIELLI E SALSICCIA

| Torte salate

Questa gustosissima  torta salata friarielli e salsiccia può risolvere un pranzo o una cena, essendo un piatto completo.

INGREDIENTI PER LA TORTA SALATA FRIARIELLI E SALSICCIA

Per 4 pers:

Un chilo di friarielli o cime di rapa

400 gr. di salsiccia fresca

150 gr. di scamorza fresca o mozzarella

Un rotolo di pasta sfoglia rotonda.

Tre cucchiai di olio evo

Uno spicchio di aglio

Sale e pepe

PROCEDIMENTO

Pulire e lavare bene i friarielli o le cime di rapa, lessarli in acqua salata, scolarli.  In psdella con l’olio far rosolare lo spicchio di aglio intero, unire i friarielli, salare poco se ce ne fosse bisogno, pepare e far insaporire 3-4 min. Eliminare lo spicchio di aglio. Tagliare a tocchetti la salsiccia e farla rosolare in padella antiaderente senza condimento. Allargare la pasta sfoglia su carta forno, sistemarla in una teglia tonda, facendo trasbordare un po’ i bordi, disporvi i friarielli, i tocchetti di salsiccia, e la scamorza o la mozzarella a dadini. Infornare a 190° Per 25-30 min. circa o comunque fino alla doratura della pasta sfoglia. Lasciare riposare 5 min. e servite la vostra torta salata friarielli e salsiccia. BUON APPETITO

CURIOSITA’

I FRIARIELLI

I friarielli, Brassica campestris è il loro nome scientifico, ma in termini dialettali nel sud Italia sono detti broccoli, broccoletti o cime di rapa, sono degli ortaggi che fanno parte della famiglia delle brassicacee, sono italiani, ma vengono prevalentemente coltivati in USA (vi giunsero durante l’emigrazione del XX sec.) ed Australia. Si tratta di piante che possono raggiungere anche il metro di altezza, sono a ciclo autunnale e si coltivano in questa stagione ed in inverno. Le foglie sono lunghe e di un verde intenso, le infiorescenze sono gialle ma si raccolgono e si consumano prima che sboccino, si cucinano insieme alle foglie più tenere. Essendo ricche di vitamina C, i friarielli proteggono dai mali di stagione e dallo scorbuto, inoltre favorisce la sintesi del collagene, aiuta a sviluppare la resistenza dell’organismo contro le infezioni ed accelera la guarigione dalle ferite.

Tratto da. Portale benessere

Commenti disabilitati su TORTA SALATA FRIARIELLI E SALSICCIA

MUFFINS AL SALAME E EMMENTAL

| Torte salate

Ottimi questi  morbidi muffins al salame e emmental, per una festicciola tra bambini, per un buffet o antipasto.

muffinsalpanc

INGREDIENTI PER I MUFFINS AL SALAME E EMMENTAL

Per una dozzina di muffins

300 gr. di farina 00

60 gr. di burro fuso

200 gr. di latte

Due uova

Una bustina di lievito istantaneo per torte salate

Un pizzico di sale

100 gr. di salame Napoli

100 gr. di emmental

Burro per le formine

PROCEDIMENTO

Tagliare a dadini il salame e l’emmental, In una ciotola di vetro mescolare la farina e la bustina di lievito setacciati insieme al pizzico di sale. In un’altra ciotola di vetro sbattere le uova, il burro fuso ma non caldo e il latte. Versare nella farina e mescolare bene. Aggiungere i dadini di salame e emmental, mescolare. Imburrare le formine, suddividervi il composto e infornare a 180° x 20 min. Controllare con uno stecchino.  Far raffreddare i muffins al salame e emmental e servire. BUON APPETITO

CURIOSITA’

IL BURRO

Il burro è il grasso alimentare che viene ricavato dalla lavorazione delle creme di latte vaccino. Secondo la legge, il burro è il prodotto ottenuto dalla crema ricavata dal latte di vacca o dal siero di latte che corrisponda a requisiti specifici chimici, fisici e organolettici. Per ottenere un kg di burro sono necessari circa 24 kg di latte. La produzione può avvenire tramite due diverse tecniche di lavorazione, l’affioramento e la centrifuga. Con la tecnica dell’affioramento il latte vaccino viene fatto riposare per un periodo di tempo variabile dalle 8 alle 12 ore; durante questo tempo la parte lipidica del latte (crema di latte o panna), meno pesante, si separa dalla parte liquida e finisce per affiorare in superficie. Con la tecnica della centrifuga invece si opera meccanicamente; di fatto, la parte grassa del latte viene separata da quella liquida attraverso un processo di centrifugazione.

Tratto da: Albanesi.it

Commenti disabilitati su MUFFINS AL SALAME E EMMENTAL

TORTA SALATA CON POLLO E PEPERONI

| Torte salate

La torta salata con pollo e peperoni, gustosissima, adatta per una cena, un pic-nic o un buffet.

tortapolloprimo

INGREDIENTI PER LA TORTA SALATA CON POLLO E PEPERONI

Per 4 pers.

300 gr. di petto di pollo intero

Due peperoni

Una cipolla

Curry

300 gr. di farina 00

Tre uova

1/2 bustina di lievito istantaneo per torte salate

150 ml. di latte

4 cucchiai di olio evo

Sale e pepe q. b.

PROCEDIMENTO

Tagliare a pezzetti il petto di pollo e farlo saltare in padella con due cucchiai di olio, la cipolla tritata e curry a piacere, salare e pepare.

tortapollo1

Mettere da parte. nella stessa padella con gli altri due cucchiai di olio: far brasare i peperoni a pezzetti. salarli e far intiepidire anche questi. Imburrare e infarinare una tortiera, portare il forno a 180°. Con una frusta sbattere il latte con le uova, sale e pepe, aggiungere un po per volta la farina setacciata insieme al lievito. Infine amalgamarvi i peperoni e il pollo. Versare in tortiera

tortapollo2

e infornare per 35 min., fare la prova stecchino e sfornare.

tortapollo3

Servire la torta salata con pollo e peperoni tiepida o a temperatura ambiente. Buon Appetito

tortapollo

CURIOSITA’

PEPERONI

I peperoni sono composti per il 92% circa da acqua, il 4,2% da zuccheri, il 2% da fibre, lo 0,50% da fibre, proteine e grassi. Questi i minerali presenti: potassio ( in buona quantità ), fosforo, sodio, calcio, magnesio. Manganese, zinco, rame e ferro sono presenti in minime quantità.
I peperoni contengono vitamina A, alcune del gruppo B in piccole quantità, vitamina C in grande quantità, vitamina E, J e K.
Tra gli amminoacidi citiamo: acido aspartico e glutammico,
arginina, alanina, valina, leucina, lisina, fenilananina e triptofano.
Come abbiamo visto i peperoni contengono un’alta percentuale di vitamina C che sappiamo essere un ottimo antiossidante; per questo motivo l’assunzione di peperoni è indicata per contrastare l’attività dei radicali liberi.
La presenza di fibre invece, rende i peperoni un alimento particolarmente indicato per le diete dimagranti, in quanto la loro assunzione aumenta la sensazione di sazietà.
Potassio e carotene invece, conferiscono ai peperoni proprietà diuretiche.

Commenti disabilitati su TORTA SALATA CON POLLO E PEPERONI

TORTINO DI ZUCCHINE

| Torte salate

Il tortino di zucchine un ottimo piatto unico, adatto per una cena,

sformzuccprimo

INGREDIENTI PER IL TORTINO DI ZUCCHINE

Per 4 pers.

Un Kg. di zucchine

6 uova

100 gr. di parmigiano o grana grattugiati

Una mozzarella di 150 gr.

100 ml. di besciamella

50 gr. di mollica di pane casereccio raffermo

Latte per ammollare la mollica

Sale e pepe q. b.

Tre cucchiai di olio evo

Burro e pangrattato per la pirofila

PROCEDIMENTO

Lavare,spuntare, e tagliare a rondelle le zucchine. Farle brasare  in padella con l’olio e un pizzico di sale. Lasciare intiepidire. Nel frattempo ammollare la mollica nel latte. In una ciotola sbattere le uova, con il parmigiano o il grana e un pizzico di sale, pepare a piacere, aggiungere la mozzarella a dadini, la besciamella, la mollica di pane strizzata e per ultime le zucchine. Imburrare e cospargere di pangrattato una teglia, versarvi il composto e infornare a 170° per una trentina di minuti o cmq. fino a doratura.

sformzucc1

Lasciare riposare il tortino di zucchine fuori dal forno per 15 min. Servire subito o quando sarà tiepido. BUON APPETITO

sformzucc

CURIOSITA’

ZUCCHINE

Iniziamo col precisare che, essendo molto delicate, le zucchine non si mantengono a lungo; in particolare, se esposte alla luce e al calore, tendono a perdere in pochi giorni la freschezza e le proprietà nutritive originali.
Tra tutte le verdure, la zucchina è una delle meno caloriche (grazie al suo elevato contenuto in acqua) e ciò la rende estremamente utile in diversi tipi di dieta (clinica oppure no). L’energia della zucchine proviene fondamentalmente dai carboidrati e solo in minor parte dalle proteine (a basso valore biologico, con amminoacido limitante Treonina) e dai lipidi (di tipo insaturo); il colesterolo è assente.

Il contenuto in fibra alimentare non delude anche se, tra le verdure, non è certo il più elevato: rispetto ad un ortaggio ricco di questa componente nutrizionale, come ad esempio il carciofo (5.5g/100g), le zucchine ne apportano circa 4 o 5 volte MENO. Ovviamente, se da un lato contengono meno fibre (importantissime per l’equilibrio intestinale, la prevenzione di certi tumori e la modulazione dell’assorbimento dei nutrienti), le zucchine sono considerate tra gli ortaggi PIU’ DIGERIBILI dell’intera categoria.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/zucchine.html

Commenti disabilitati su TORTINO DI ZUCCHINE