Crea sito

pane

PAN PIZZA

| pane, pizze

Come recuperare il pane raffermo in una ricetta gustosissima…….:P

panpizTagliare a fette il pane casereccio raffermo, bagnare per 30 secondi le fette nel latte, strizzarle facendo attenzione a non romperle, Disporle su placca foderata con carta forno e infornarle in forno caldo a 190° per circa 10 min (non devono colorire eccessivamente)

pizpan2Mentre cuociono le fette; preparare il condimento. In una ciotola versare della polpa di pomodoro, aglio tritatissimo (a piacere) olio evo, sale e infine dadini di mozzarella.

pizpan1Distribuire sulle fette di pane, cospargere con origano e rimettere in forno fino a completo scioglimento della mozzarella, circa altri 10 min.. Servire calde. Buon appetito

panpiz4

2 Commenti

TARALLI NAPOLETANI ALLE MANDORLE E PEPE

| pane

Strepitosi taralli della tradizione napoletana.
taralli2
Impastare ½ kg. farina 00 con 200 gr. di acqua, 1 cucchiaino di sale e 25 gr. di lievito di birra.
taralli3
Poi unire 150 gr. di strutto, 4 gr. di pepe nero e 100 gr.di mandorle con la pellicina tritate molto grossolanamente. Lievitare 1 ora. Fare dei rotolini grossi come un dito e lunghi circa 12 cm. attorcigliarli su se stessi e chiudere ad anello, metterli in placca foderata con carta forno e far lievitare un’altra ora. Su ognuno conficcare 3-4 mandorle intere con pellicina ( io le avevo senza ed ho messo quelle, ma è consigliabile non pelate)

taralli-al-pepe1infornare a 190° x 30 min o fino a doratura, controllare se son cotti. BUON APPETITO

Commenti disabilitati su TARALLI NAPOLETANI ALLE MANDORLE E PEPE

PANINETTI RIPIENI

| pane

Stuzzicanti
Paninettiripieni2
Io ho usato la planetaria ma potete impastarli a mano. Lavorare 500 gr. di farina manitoba con 1 cucchiaio di zucchero, 70 gr. di burro a temperatura ambiente, 25 gr. di lievito di birra sciolto in 125 ml. di latte tiepido. Unire a poco per volta 125 ml. di acqua tiepida e 1 cucchiaino di sale. Risulterà un’impasto morbido e appiccicoso, lasciare lievitare 1 ora.
paninetti-ripieni22
Riprendere l’impasto lavorarlo ancora un po’ con le mani unte di olio e rifar lievitare un’altra ora.
Staccare dei pezzetti grandi come piccoli mandarini, io li ho riempiti: alcuni prosciutto e mozzarella, o salame scamorza o spinaci e fontina. Spennellare con uovo sbattuto con 1 cucchiaio di latte distribuirvi sopra del sesamo. Infornare a 200° per una ventina di min.

Commenti disabilitati su PANINETTI RIPIENI

MILIDDRI (BISCOTTI DI PANE)

| pane

Buonissimi biscotti croccanti salati e aromatizzati all’anice. Fanno parte della tradizione siciliana (ne esiste anche una versione dolce) Possono sostituire il pane o i grissini a tavola. Ottimi inzuppati nel latte o consumati semplicemente da soli.
miliddi
Ho impastato nella planetaria ( ma lo si può fare anche a mano): 1/2 Kg. di farina di semola di grano duro, 15 gr. di lievito di birra sciolto in un po’ di acqua tiepida prelevata da 200 ml. e 80 gr. di strutto. Iniziare a impastare e man mano aggiungere la restante acqua tiepida, 1 cucchiaino di sale e 1 cucchiaio colmo di semi d’anice. Quando si sarà ottenuto un impasto bello compatto, formare una palla, praticarvi un taglio a croce, coprire e lasciar lievitare 1 ora e 30 in luogo tiepido.
milidde2
Passato questo tempo, formare dei filoncini di circa 3 cm. di spessore, praticarvi dei tagli profondi ma non fino in fondo, distanti 4 cm. l’un dall’altro. Sistemare su placca foderata con carta forno.
milide3
Infornare per 20 min. a 200°.
milidde5
Sfornare, portare la temperatura del forno a 100°, tagliare i filoncini lungo i tagli e rimettere i biscotti sulla placca.
milidde6
Reinfornare per 1 ora e 30 min., spegnere e lasciare raffreddare completamente dentro il forno. Si conservano per diversi giorni in contenitori ermetici.
milidde7

Commenti disabilitati su MILIDDRI (BISCOTTI DI PANE)

SEMPLICEMENTE FRISELLE AL POMODORO

| pane

La frisella salentina ha origini antichissime che si perdono oltre 3000 anni fa ai bordi di navi fenice cariche di merci…e di quelle scure ciambelle di pane di grano biscottato. I marinai le inzuppavano nell’acqua di mare e le condivano con olio d’oliva. L’impasto delle friselle, composto da farina, lievito, sale e acqua è portato a lievitazione in piccoli panetti e successivamente cotto. Prima che si raffreddi, il prodotto viene spaccato in due e sottoposto ad una ulteriore e lunga cottura ( biscottatura ) per consentirne una lunga conservazione.
frisellesalentine
Quando si mangia, la frisella deve “rozzulare” sotto i denti. Morbida si, ma anche croccante. La ricetta tradizionale è semplice: mettere un po’ di acqua in un piatto fondo e immergervi la frisella capovolta per 2-3 min. Sgocciolarla e disporla in un piatto, strofinarla con uno spicchio d’aglio, mettervi sopra dei pomodori a fette o mezzi pomodorini, condire con olio, sale, pepe e origano. Far riposare 5 min. e servire.

Commenti disabilitati su SEMPLICEMENTE FRISELLE AL POMODORO