Un classico che piace sempre, l’antipasto di insalata russa e tonno. Presentato in modo originale e simpatico.

 

INGREDIENTI PER L’ANTIPASTO DI INSALATA RUSSA E TONNO

Per 6 pers.

Gli ingredienti per l’insalata russa (vedere sotto)

150 gr. di tonno sott’olio peso netto

Un tubo di patatine pringles

Olive snocciolate

PROCEDIMENTO

 

Preparare l’insalata russa come è descritto qui nella ricetta http://blog.cookaround.com/lacucinadipeppina/insalata-russa-piatto-freddo/

Aggiungervi il tonno ben sgocciolato dall’olio e mescolare bene. Sistemare su un piatto tondo o ovale. Tagliare a rondelle le olive e distribuirle sull’insalata per decorare. Tenere in frigo fino al momento di servire, Qualche minuto prima diservire contornare con le patatine (non farlo prima perchè diventerebbero mollicce) Ora potete servire il vostro antipasto di insalata russa e tonno. BUON APPETITO

 

CURIOSITA’

TONNO SOTT’OLIO

Il tonno in scatola è un alimento salubre, che conserva le qualità nutrizionali e gustative del pesce fresco. Il tonno in scatola o in vasetti di vetro può essere sott’olio o al naturale e si presenta sotto forma di tranci o filetti. Il tonno al naturale contiene pochissime calorie (solo 100 kcal per 100 grammi) anche perché per produrlo non viene mai utilizzata ventresca (la parte più grassa del tonno), ma solo i tagli più magri. Dunque, si tratta di una buona fonte proteica, magra, ma piuttosto insipida, asciutta e dunque ben poco appetibile. Essendo così magra non è nemmeno una buona fonte di omega-3, il tonno sott’olio sgocciolato ha molte più calorie (190 kcal per 100 grammi), ma è molto più gustoso poiché l’olio, penetrando nelle carni del tonno, lo rende molto più appetibile e gustoso. In genere, viene utilizzato olio di semi oppure olio di oliva. Una caratteristica molto importante del tonno è rappresentata dalla quasi totale assenza di grassi saturi (tonno al naturale) o solo il 10% di grassi (tonno sott’olio); è presente, invece, una buona percentuale di grassi insaturi, prevalentemente omega-3 (il dott. Davide Bianchini, nutrizionista ci ricorda che “il pesce contiene colesterolo, ma il fatto che i grassi in esso contenuti siano pochi e polinsaturi (omega-3) lo rendono addirittura protettivo per i livelli di colesterolo.”), grazie al regime alimentare del tonno che, essendo un predatore, si nutre prevalentemente di altri pesci (soprattutto azzurri) e molluschi cefalopodi (in particolare seppie e calamari).

Commenti disabilitati su ANTIPASTO DI INSALATA RUSSA E TONNO