Crea sito

Mese: Novembre 2016

GNOCCHI DI ZUCCA FATTI A MANO

| Primi

Gli gnocchi di zucca fatti a mano sono: una bontà. Dal sapore delicato e li si può condire  con qualunque condimento, saranno sempre buoni.

gnocchizuc

INGREDIENTI PER GLI GNOCCHI DI ZUCCA FATTI A MANO

Per 4-5 pers.

Un kg. di zucca già pulita

300 gr. di farina 00

un uovo

sale.

farina di semola rimacinata per la spianatoia q. b.

PROCEDIMENTO

Tagliare a fette la zucca e disporle sulla placca del forno foderata con carta forno.

gnocchizuc1

Infornare a 180° per 20-25 min. Controllare la cottura con una forchetta. Passare al passaverdure, non frullare altrimenti diventerà acquosa. Mettere la purea ottenuta in un passino a maglie fitte in caso ce ne fosse bisogno e lasciare a scolare per una mezz’ora.

gnoccizuc2

Versare la farina a fontana sulla spianatoia, al centro mettere il purè di zucca, un pizzico di sale e l’uovo.

gnocchizuc3

Iniziare a lavorare con la punta delle dita fino a inglobare tutti gli ingredienti. Formare un panetto omogeneo. Cospargere la spianatoia con la semola rimacinata. Prelevando dei pezzi di impasto creare dei filoncini di 3 cm. di spessore, tagliare a pezzetti di 3 cm. di lunghezza e facendoli scorrere sui rebbi di una forchetta dar loro la forma di gnocchi ( come quelli di patate). Lessare subito in acqua salata pochi per volta e non appena vengono a galla scolare e condire i vostri gnocchi di zucca fatti a mano, a piacere. BUON APPETITO

CURIOSITA’

ZUCCA

Contrariamente a quanto si possa pensare, la zucca, dolcissima e gustosa, è un alimento amico delle diete povere di calorie, adatta persino ai diabetici per la scarsità in termini glucidici. Nonostante gli impieghi della zucca in cucina siano davvero numerosissimi, non dobbiamo dimenticare che la pianta – grazie alle innumerevoli proprietà benefiche – viene assai utilizzata anche in ambito erboristico, fitoterapico e cosmetico. Abbiamo visto che l’ortaggio s’inserisce tra gli alimenti ipocalorici, apportando solamente 18 Kcal per 100 grammi di prodotto: ciò è dovuto all’ingente quantità d’acqua in essa contenuta, stimata addirittura intorno al 94,5%.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/benessere/zucca-proprieta.html

Commenti disabilitati su GNOCCHI DI ZUCCA FATTI A MANO

DOLCETTI DI SFOGLIA RIPIENI

| Dolci

Golosissimi questi dolcetti di sfoglia ripieni, come le ciliegie: uno tira la’altro. Semplici e veloci da preparare.

sfogrip2

INGREDIENTI PER I DOLCETTI DI SFOGLIA RIPIENI

Per una ventina di dolcetti

Due rotoli di pasta sfoglia rettangolari

Marmellata di albicocche o a piacere q. b.

Un tuorlo

Un cucchiaio di latte

Zucchero semolato q. b.

Zucchero a velo q. b.

PER LA CREMA

300 ml. di latte intero

30 gr. di amido di mais

80 gr. di zucchero

PROCEDIMENTO

Per prima cosa: preparare la crema facendo sciogliere l’amido setacciato con il latte senza grumi, unire lo zucchero e mettere a cuocere sul fuoco sempre mescolando fin che arriva a bollore. Spegnere e lasciare raffreddare. Srotolare la pasta sfoglia e ricavarne dei rettangolini di 7×5 cm. Su metà di questi praticare un foro di 3 cm. di raggio al centro. Sovrapporre  i rettangoli con il foro centrale a quelli interi. Sistemarli su placca con carta forno e su metà rettangoli mettere un cucchiaino di crema ormai fredda e sull’altra metà: un cucchiaino di marmellata.

sfogrip3

Rifinire i bordi con una rotella dentata .  Mescolare il tuorlo con il latte e con questo spennellare i bordi. Su  i bordi dei dolcetti con la marmellata distribuire dello zucchero semolato. Infornare a 190° per 12-15 min.  (dipende dal forno o comunque fino a doratura) Lasciare freddare e sui dolcetti con crema spolverizzare dello zucchero a velo. Ora i vostri dolcetti di sfoglia ripieni son pronti ad essere divorati. BUON APPETITO

sfogrip1

CURIOSITA’

AMIDO DI MAIS

L’amido di mais, chiamato anche maizena, viene ricavato dal chicco del mais mediante un processo di macinazione ad umido. Il prodotto si presenta sotto forma di polvere bianca finissima, quasi impalpabile, insolubile in acqua fredda. Contiene per 100 gr. di prodotto: Calorie 381, Grassi 0,1 g, Colesterolo 0 mg, Zucchero 0 g. Sodio 9 mg., Potassio 3 mg, Carboidrati 91 g, Proteina 0,3 g, Fibra alimentare 0,9 g, Magnesio 3 mg.

Commenti disabilitati su DOLCETTI DI SFOGLIA RIPIENI

SEPPIE RIPIENE CON MANDORLE E PINOLI

| Pesce

Le seppie ripiene con mandorle e pinoli: un secondo di pesce che sarà ben gradito.

seppierip2

INGREDIENTI PER LE SEPPIE RIPIENE CON MANDORLE E PINOLI

Per 4 pers.

8 seppie non troppo grandi

Tre cucchiai di mollica di pane casereccio raffermo

30 gr. di pinoli

40 gr. di mandorle pelate

Un ciuffetto di prezzemolo

Due spicchi di aglio

Un cucchiaio di capperi dissalati

Due filetti di acciughe sotto olio

5-6 olive nere

4 pomodori maturi

Olio evo q. b.

Sale e pepe q. b.

1/2 bicchiere di vino bianco secco

Origano

PROCEDIMENTO

 

Pulire le seppie e lasciarle intere, lavarle e asciugarle. In una ciotola mescolare la mollica di pane sbriciolata finemente, i pinoli, le mandorle tritate grossolanamente, il prezzemolo tritato, gli spicchi di aglio tritati finemente, i capperi dissalati, i filetti di acciuga tritati, le olive tritate,  la polpa tritata di due pomodori maturi e 3 cucchiai di olio, mescolare e regolare di sale, pepe e di mollica per avere un composto morbido. Riempire le seppie per 2/3  e chiudere con stecchini, disporle in una teglia oleata, negli spazi vuoti mettere pezzi di pomodoro tra una seppia e l’altra, irrorare con il vino bianco e olio.

seppierip1

Infornare a 180° x 35  min. a metà cottura salare pepare e prima di spegnere cospargere con prezzemolo e origano. Lasciare riposare 10 min. le seppie ripiene con mandorle e pinoli prima di servire. BUON APPETITO

seppirip

CURIOSITA’

LE MANDORLE

La mandorla è il seme commestibile del mandorlo, una pianta appartenente alla stessa famiglia del pesco, le rosacee: è alta circa dieci metri ed i suoi semi, le mandorle appunto, sono racchiusi in un guscio legnoso a sua volta contenuto in un nocciolo.
Generalmente le mandorle vengono consumate secche durante tutto l’anno e si trovano fresche solamente in primavera.
Fino all’inizio del secolo scorso Agrigento rappresentava il primo produttore al mondo di mandorle e nella sua provincia ne venivano coltivate più di 700 specie; purtroppo ad oggi le cose sono cambiate e sono drasticamente diminuite le zone di coltivazione e anche numerose varietà di mandorle sono andate scomparendo.
Le mandorle sono un alimento molto ricco di proteine, digeribile e molto energetico; nella sua composizione troviamo vitamine del gruppo B, vitamina E, grassi insaturi, magnesio, ferro, potassio, rame e fosforo.
Nelle mandorle è presente anche una piccola quantità di laetrile, considerata una sostanza antitumorale. Il 55% per cento della mandorla è costituito da grassi, il 20% da zuccheri, e il restante 25% da proteine.
Alle mandorle, oltre alle proprietà altamente energetiche, vengono attribuite proprietà lassative; fin dai tempi più antichi il latte di mandorle era considerato un ottimo rimedio rinfrescante dell’intestino e della vescica.

 

Commenti disabilitati su SEPPIE RIPIENE CON MANDORLE E PINOLI

RISOTTO CON ZUCCHINE E PEPERONI

| Riso

  • Gustoso e colorato il risotto con zucchine e peperoni. Semplice e veloce da preparare.

    riszucpep1

    INGREDIENTI PER IL RISOTTO CON ZUCCHINE E PEPERONI

    Per 4 pers.

    Due peperoni rossi

    Due zucchine

    Una cipolla

    350 gr. di riso basmati

    Due cucchiai di olio evo

    40 gr. di burro

    Mezzo bicchiere di vino bianco secco

    Un litro e mezzo di brodo vegetale bollente

    Sale e pepe

    Due cucchiaiate di panna da cucina

    50 gr. di grana o parmigiano

    PROCEDIMENTO

    Preparare il brodo vegetale. Lavare i peperoni e le zucchine, asciugarli e tagliarli a bastoncini. In tegame fare appassire la cipolla tagliata finemente con i due cucchiai di olio e i 40 gr. di burro. Unire le verdure e cuocere per 5 minuti aggiungendo di tanto in tanto qualche cucchiaiata di brodo vegetale. Versarvi il  riso (io uso il basmati per questa ricetta) farlo ben assorbire del condimento e poi sfumare con il mezzo bicchiere di vino bianco. Continuare la cottura aggiungendo man mano il brodo caldo. Regolare di sale e pepare a piacere. A cottura quasi ultimata incorporarvi la panna e il grana grattugiato. Lasciare riposare 3-4 min. e servire il vostro risotto con zucchine e peperoni. BUON APPETITO

    CURIOSITA’

    ZUCCHINE

    Zucchine: proprietà e benefici

    Ipertensione: la presenza in grande quantità di potassio rende le zucchine un alimento anti fatica, consigliato per i suoi benefici anche per chi ha problemi di ipertensione. Inoltre, sempre grazie al potassio, contribuiscono a regolare la quantità di acqua nell’organismo.
    Utili per dimagrire: sono un alimento molto povero di calorie ed è per questo motivo che sono spesso alla base delle diete dimagranti. La presenza di fibre poi aumenta la sensazione di sazietà ed impedisce l’assunzione di altro cibo a breve termine.
    Abbassano il colesterolo: la presenza di fibra alimentare favorisce l’espulsione del colesterolo cattivo in eccesso e rappresenta una buona prevenzione nei confronti della formazione di pericolose placche nelle arterie.
    Favoriscono il sonno: il loro consumo, oltre che apportare benefici per il corpo, ha proprietà benefiche anche nei confronti della mente sulla quale hanno effetti rilassanti e favoriscono il sonno.
    Antinfiammatorio: vitamina C e vitamina A presenti nelle zucchine hanno proprietà antinfiammatorie che sono risultate utili nel trattamento di alcune patologie come l’asma, l’artrosi e l’artrite reumatoide.
    Altre proprietà: le zucchine hanno diverse proprietà salutari nei confronti dell’organismo tra le quali spiccano l’azione diuretica, lassativa e antinfiammatoria, non solo, sono anche un ottimo alleato nel contrastare le infiammazioni delle vie urinarie ed i problemi a livello intestinale quali diarrea e stitichezza.

Commenti disabilitati su RISOTTO CON ZUCCHINE E PEPERONI

OLIVE VERDI CONDITE ALLA SICILIANA

| Antipasti

Le olive verdi condite alla siciliana, un saporitissimo metodo di conservazione per l’inverno. Siamo in periodo di raccolta delle olive e quindi approfittiamone. Ottimo antipasto siciliano

olivverdcond1

INGREDIENTI PER LE OLVE VERDI CONDITE ALLA SICILIANA

Per un kg. di olive

Un kg. di olive verdi

Due litri di salamoia

Due-tre coste di sedano tenero

Tre carote

3-4 spicchi di aglio in camicia

100 gr. di pomodori secchi

Un bicchiere di aceto bianco

Un bicchiere di buon olio evo

Sale q. b.

PROCEDIMENTO

 

 

Iniziare schiacciando le olive, ( io ho usato un geniale attrezzo preso a una sagra.) ma si può usare un normale batticarne.

alive1

Le ho messe a bagno in sola acqua, cambiandola tutti i giorni per 6 giorni. Poi far sciogliere 200 gr. di sale in due litri di acqua e immergervi le olive. Far riposare in questa salamoia per altri 6 giorni. Scolarle, sciacquarle e asciugarle su un telo cucina, versarle in un’insalatiera e condire con: il sedano a pezzetti, le carote a rondelle, gli spicchi di aglio leggermente schiacciati, i pomodori secchi a pezzetti, sale, l’aceto bianco e  l’olio evo. Mescolare e far insaporire 12 ore prima di consumare. Io li metto in barattoli di vetro e tengo in frigo. Nel periodo in cui non sono reperibili le olive fresche si possono usare delle olive in salamoia, avendo l’accortezza di tenerle in acqua fresca almeno 3 ore per togliere l’eccesso di sale, BUON APPETITO

CURIOSITA’

SEDANO

Il sedano, nome scientifico Apium graveolens, è una pianta erbacea biennale appartenente alla famiglia delle Ombrellifere; possiamo affermare che questo tipo di sedano altro non è che la derivazione dal sedano palustre operata per mano degli agricoltori nel corso dei secoli.
In Italia l’80 % circa della produzione totale di sedano proviene solamente da quattro regioni: Piemonte, Puglia, Emilia Romagna, Lazio. Grazie al suo profumo delicato ed al suo gusto. Il sedano, come tutta la verdura, è composto per la maggior parte di acqua ( circa 90% ); le altre sostanze che lo compongono sono le fibre, le proteine, glucidi e lipidi, minerali vari come sodio, potassio, fosforo, calcio e ferro e, per quanto riguarda le vitamine, sono presenti la C e la K,

Commenti disabilitati su OLIVE VERDI CONDITE ALLA SICILIANA

CASTAGNACCIO CON LE NOCI

| Dolci

Il castagnaccio con le noci, ottimo dolce di questa stagione. Una bella fetta soddisferà il palato.

castag

INGREDIENTI PER IL CASTAGNACCIO CON LE NOCI

Per 4 pers.

250 gr. di farina di castagne

Un pizzico di sale

30 gr. di zucchero

350 ml. di acqua

30 gr. di pinoli

30 gr. di uvetta

40 gr. di gherigli di noci

Mezzo cucchiaio di aghi di rosmarino

Olio evo q. b.

PROCEDIMENTO

Ammollare l’uvetta per una decina di minuti. Mescolare in una ciotola: la farina di castagne setacciata con: il pizzico di sale e lo zucchero,  mescolando con una frusta per evitare grumi,  unire l’acqua poca per volta. Aggiungere all’impasto: l’uvetta ben scolata e asciugata e metà delle noci spezzettate. Oliare molto bene una teglia, io ne ho usato una quadrata 20×20. Versarvi l’impasto e distribuirvi sopra i pinoli, le rimanenti noci spezzettate, gli aghi di rosmarino e un filo di olio..

castag1

Infornare a 180° per 25  min.  Controllare con stecchino e spegnere. Sfornare. Servire il castagnaccio con le noci: quando si sarà freddato. BUON APPETITO

castg2

CURIOSITA’

CASTAGNE

L’albero delle castagne appartiene alla famiglia delle Fagacee, è una pianta molto longeva e può tranquillamente raggiungere i 30-35 metri di altezza; le castagne vengono comunemente chiamate frutto ma in realtà il vero frutto è costituito dal riccio che le contiene, le castagne ne sono il seme. Non più tardi di qualche decennio fa le castagne rappresentavano la base dell’alimentazione quotidiana delle popolazioni di montagna, in seguito, con l’arrivo del “benessere” il loro utilizzo è stato ridotto di molto a favore di prodotti più raffinati. Le castagne sono un alimento molto versatile e possono essere consumate in svariati modi: arrostite sul fuoco, bollite, cotte al forno e secche. La castagna è composta per circa il 50% da acqua, da carboidrati 45%, proteine, grassi, fibre e ceneri; discreta la presenza di minerali tra cui annoveriamo sodio, calcio, fosforo, magnesio, ferro, potassio, zinco, rame e manganese. Per quanto riguarda le vitamine troviamo: vitamina A, B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B3 (niacina), B5, B6, B9 (acido folico), b12, C e D. Tra gli aminoacidi presenti nelle castagne citiamo l’acido aspartico, l’ acido glutammico, arginina, alanina, glicina, leucina, prolina, serina e treonina.

Commenti disabilitati su CASTAGNACCIO CON LE NOCI

ANTIPASTO DI PEPERONI ALLA PIEMONTESE

| Antipasti

Buonissimo l’antipasto di peperoni alla piemontese, dal sapore deciso come tutta la cucina piemontese. Provare per credere.

 

peppiem1

 

 

peppiemont

INGREDIENTI PER L’ANTIPASTO DI PEPERONI ALLA PIEMONTESE

Per 4 pers.

4 peperoni carnosi

4 spicchi di aglio

4 cucchiai di olio evo

50 gr. di filetti di acciughe dissalate e pulite

250 ml. di panna da cucina

PROCEDIMENTO

Abbrustolire i peperoni nel forno, spellarli e tagliarli a falde, tenere in caldo. Fare disfare in un tegamino gli spicchi di aglio a fettine nell’olio a fuoco bassissimo, togliere dal fuoco e unire i filetti di acciuga a pezzetti , rimettere sul gas e far disfare a fuoco bassissimo, aggiungere la panna e fare ridurre un po’. Spegnere e con il minipimer a immersione ridurre in crema. Disporre i peperoni su un piatto di servizio e su ognuno distribuirvi la salsa. Servire  l’antipasto di peperoni alla piemontese caldo. BUON APPETITO

CURIOSITA’

AGLIO

L’aglio ha una reputazione medicamentosa di tutto rispetto. Ottimo per la prevenzione di raffreddori, influenza, malattie cutanee e infallibile disinfettante per l’intestino. Uno spicchio d’aglio è serbatoio di principi attivi curativi di notevole efficacia come allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. Ha proprietà antielmintiche contro gli ascaridi e gli ossiuri, antimucolitiche, ipotensive, espettoranti, digestive, carminative, antisettiche, ipoglicemizzanti. È stato ormai ampiamente dimostrato il ruolo di questa pianta nella regolarizzazione della colesterolemia e dei trigliceridi e nel miglioramento del rapporto tra colesterolo LDL e colesterolo HDL, cioè tra lipoproteine cattive, che favoriscono la formazione di depositi di colesterolo nelle pareti arteriose, e lipoproteine buone , ossia quelle che funzionano come minuscoli spazza-arterie, allontanando i dannosi accumuli di colesterolo. Può essere utile nelle infezioni croniche dell’apparato respiratorio e in quelle causate dalla Candida albicans. All’aglio sono riconosciute anche notevoli proprietà “piccanti”: aiuterebbe infatti a mantenere una sessualità attiva e sana, essendo un potente afrodisiaco, soprattutto grazie all’aSi dice che l’aglio crudo lasci quel sapore che, al mattino seguente, stenderebbe qualsiasi interlocutore. In realtà, in questo caso, come in molte altre circostanze della vita, occorre saper affidarsi al proprio buon senso e non eccedere. Se è vero che uno spicchio di aglio crudo assunto ogni giorno e per lunghi periodi può causare irritazioni alle pareti intestinali e danneggiare le cellule ematiche, un consumo moderato non può che migliorare lo stato di salute generale. Magari evitate di assumere il prezioso spicchio prima di una riunione o di un incontro galante.zione positiva che esercita sulla circolazione in generale.

 

Commenti disabilitati su ANTIPASTO DI PEPERONI ALLA PIEMONTESE

GIRELLE CON MOUSSE DI PROSCIUTTO

| Antipasti, formaggi ecc.

Una bella ricetta questa delle girelle con mousse di prosciutto, da servire come antipasto oppure come piatto unico per cena. Piacerà a grandi e piccini.

girmoupros

INGREDIENTI PER LE GIRELLE CON MOUSSE DI PROSCIUTTO

Per 4 pers.

100 gr. di prosciutto cotto

100 gr. di ricotta

40 gr. di burro

4 uova

Un ciuffetto di prezzemolo tritato

Tre cucchiai di latte

Sale e pepe q. b.

Burro per la pirofila

PROCEDIMENTO

Sbattere con una frusta le uova con il prezzemolo tritato, i 3 cucchiai di latte,  sale e pepe. Ungere una pirofila antiaderente di 24 cm. con burro, versarvi il composto e infornare a 175° per una ventina di min. Oppure cuocere in padella imburrata, sul fornello girandola da ambo i lati ( io ho preferito la cottura in forno). Lasciare intiepidire e nel frattempo passare al mixer il prosciutto cotto insieme al burro un po’ morbido e alla ricotta fino a ottenere una crema omogenea.   Spalmare la mousse di prosciutto sulla frittata messa su un foglio di carta di alluminio,  arrotolarla strettamente a salame, avvolgerla nella carta stagnola e tenerla in frigo  almeno un paio di ore. Tagliare a fette e servire le girelle con mousse di prosciutto: accompagnate da un’insalatina. BUON APPETITO

 girmoupros1
 CURIOSITA’
IL PROSCIUTTO COTTO

Il prosciutto cotto è una carne conservata, più precisamente un salume cotto non  insaccato e parzialmente ricoperto di cotenna. Il prosciutto cotto è composto dalla coscia disossata “vera e propria” del maiale, pertanto, nella sua produzione non vengono utilizzate altre parti dell’animale. Spesso il prosciutto cotto viene rimpiazzato da un prodotto molto simile, ma sensibilmente meno pregiato: la spalla cotta di maiale.Prosciutto cotto
La produzione del prosciutto cotto prevede alcune fasi essenziali: macellazione del suino, lavorazione dell’arto posteriore (sezionatura, sgrassatura, disossamento – ma non sempre – , massaggiatura ecc.), cottura a vapore e confezionamento.
Il prosciutto cotto non è “tutto uguale”; tralasciando la variabilità delle ricette locali (che richiederebbero un paragrafo ciascuna), il prosciutto cotto si differenzia ufficialmente in tre categorie ben distinte: in: prosciutto cotto di alta qualità, prosciutto cotto scelto e prosciutto cotto (come si può notare, la spalla cotta NON rientra nel disciplinare del salume in oggetto).

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/prosciutto-cotto.html

Commenti disabilitati su GIRELLE CON MOUSSE DI PROSCIUTTO