Crea sito

Mese: Luglio 2016

PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

| Insalate, Uova, Verdure

Il piatto freddo di patate e uova: un classico per le insalate, qui arricchito dalle cipolle. Semplicemente saporito e facile da preparare.

patuova1

INGREDIENTI PER IL PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

Per 4 pers.

800 gr. di patate

4 uova

Due cipolle rosse di Tropea

5 cucchiai di olio evo

Due cucchiaini di aceto di mele

Sale e pepe

Un cucchiaino di origano

PROCEDIMENTO

patuova

Lessare le patate con la buccia in acqua salata dopo averle lavate per bene. Rassodare le uova per 10 min. Pelare, lavare le cipolle e cuocerle ( io al microonde per 7-8 min dopo avervi praticato alcuni taglietti con un coltello. Oppure cuocerle nel forno a 190° per 30 min. avvolte in carta di alluminio o carta forno. Lasciare intiepidire le patate, pelarle e tagliarle a tocchi. Sgusciare le uova e tagliarle a spicchi e affettare le cipolle. Sistemare il tutto in una insalatiera. In una ciotola emulsionare con una forchetta l’olio, l’aceto, il sale, il pepe e l’origano. Versare sull’insalata e mescolare. Far riposare 10 min e servite il vostro piatto freddo di patate e uova. BUON APPETITO

patuova2

CURIOSITA’

CIPOLLE

Appartiene alla famiglia delle Liliacee, viene coltivata in ogni parte del mondo e rappresenta uno degli aromi più utilizzati nelle cucine di tutto il mondo. La cipolla è un prodotto dell’orto molto antico, utile in cucina e ricca di proprietà terapeutiche. È una pianta erbacea che cresce ogni due anni, ma generalmente viene coltivata e in questo caso, produce i suoi bulbi annualmente. Il terreno sul quale cresce è generalmente un terreno fertile che non teme climi diversi, anche se “predilige” una temperatura piuttosto fredda. L’Emilia-Romagna, la Campania, la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni più accreditate per la coltivazione di questo prodotto. La parte che noi mangiamo è il “bulbo” centrale, che può essere consumato sia crudo che cotto. Come riconoscere l’integrità di una cipolla e capire se è davvero fresca? È importante osservarne la forma che dovrà essere compatta, piuttosto soda e senza ammaccature o “strane” macchie, tipo muffa. La cipolla ha un gusto particolare che regala alle pietanze un sapore gradevole e spesso viene utilizzata come “base” per la preparazione di minestre, risotti, carni e gustosissimi sughi. Ma non solo: diversi sono i piatti che la contengono: i francesi ad esempio vanno matti per la zuppa di cipolle, nota in tutto il mondo, ma anche le cipolle ripiene, quelle crude in insalata e la frittata, hanno la loro notorietà.

Commenti disabilitati su PIATTO FREDDO DI PATATE E UOVA

TORRETTE DI MELANZANE

| Verdure

Le torrette di melanzane sono buonissime oltre che scenograficamente vi faranno fare un figurone con i vostri ospiti. 

tormel22

INGREDIENTI PER LE TORRETTE DI MELANZANE

Per 4 pers.

2-3 melanzane tonde

400 gr. di salsa pronta di pomodoro fresco

Qualche pomodorino ciliegino

4 fette di prosciutto cotto

2 mozzarelle di bufala da 100 gr. ciascuna

Origano q. b.

Sale e pepe

Olio per friggere

PROCEDIMENTO

Lavare, asciugare e affettare le melanzane a fette tonde, salarle e lasciarle a scolare in un colapasta per mezz’ora. sciacquarle, asciugarle e friggerle in abbondante olio. Foderare la pirofila con carta forno e disporvi la prima base di melanzane (calcolare tre fette di melanzana per ogni torretta).

torml1

Su ogni fetta di melanzana mettere mezza fettina di prosciutto cotto, una cucchiaiata di salsa di pomodoro,

tormel2

Tagliare la mozzarella  a fettine e metterne una su ogni fetta di melanzana, pepare e cospargere con un pizzico di origano.

tormel4

Coprire con un’altra fetta di melanzana e  ripetere gli strati,  finire con fetta di melanzana, salsa di pomodoro, fettina di mozzarella, mezzo pomodorino e origano. Infornare a 180° per 10-12 min………il tempo di fondere la mozzarella. Le torrette di melanzane vanno servite calde  BUON APPETITO

torremelanz

CURIOSITA’

MELANZANE


La melanzana è composta per il 92% da acqua, per il 3% da fibre alimentari, 1% proteine, carboidrati, ceneri e zuccheri.
Tra i minerali spicca in assoluto il potassio, seguito da fosforo e magnesio; in percentuale minore troviamo lo zinco, il ferro, il rame, il calcio il sodio e, in quantità bassissima, il selenio.
Sul versante delle vitamine annoveriamo: vitamina A, quasi tutte le vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6 ), vitamina C, vitamina K, vitamina J e in quantità molto ridotta la vitamina E o Alpha-tocoferolo.
Molto lunga la lista degli aminoacidi presenti nella melanzana tra cui elenchiamo i principali: acido aspartico, acido glutammico, leucina,
valina, alanina, arginina, lisina e prolina.
Grazie al suo alto contenuto di acqua, la melanzana è considerata innanzitutto depurativa dell’organismo, ed è quindi consigliata nei casi di gotta, arteriosclerosi e problemi di infiammazione alle vie urinarie; la buona presenza di potassio e di altri minerali le conferisce poi proprietà rimineralizzanti e ricostituenti.

Commenti disabilitati su TORRETTE DI MELANZANE

INSALATA FANTASIA CON FAGIOLINI

| Insalate

Una bella, fresca e gustosa insalata fantasia con fagiolini, Un abbinamento di sapori che ben si amalgama.

insfung2

INGREDIENTI PER L’INSALATA FANTASIA CON FAGIOLINI

Per 4 pers.

400 gr. di fagiolini

100 gr. di funghetti sotto olio

100 gr. di mortadella in un sol pezzo

200 gr. di pomodorini

Un’acciuga sotto sale o due filetti di acciuga sotto olio

sale q. b.

5 cucchiai di olio evo

Un cucchiaio di aceto di mele

PROCEDIMENTO

insfung3


Pulire, lavare, lessare in acqua salata e scolare i fagiolini, farli asciugare e raffreddare. Tagliarli a pezzi e metterli in una insalatiera, unire i funghetti sotto olio sgocciolati, la mortadella a dadini, mescolare.
Tagliare a metà i pomodorini e disporli a raggiera nel bordo del piatto di portata, al centro mettere gli altri ingredienti. In una ciotolina mescolare l’acciuga tritata finemente, 1 pizzico di sale, l’aceto e i cucchiai di olio. Versare sull’insalata fantasia con fagiolini e portare subito a tavola. BUON APPETITO

insfung1

CURIOSITA’

ACETO DI MELE

L’aceto di mele potrebbe sembrare, a prima vista, il solito “rimedio della nonna”: esso non solo è un condimento che rende gustosi moltissimi piatti, ma due cucchiai di questo “elisir” al giorno portano al nostro organismo potassio (regola il metabolismo e il ricambio cellulare), calcio (previene l’osteoporosi e mantiene in forma l’apparato scheletrico), ferro, magnesio, beta-carotene, le vitamine A, B1, B2, B6, C ed E, acido acetico, altri acidi di frutta e la pectina, fosforo, sodio, zolfo e altri microelementi; inoltre svolge un’azione fluidificante del sangue, favorisce la diuresi e il metabolismo bruciando i grassi ed eliminando le tossine, è un potente disintossicante e ansietà, cura l’acne e favorisce il ricambio epidemico, grazie all’azione della pectina in esso contenuta combatte la stipsi e favorisce l’eliminazione delle scorie organiche che tendono a trasferirsi nei tessuti cutanei, regola il valore del pH del sangue, stimola gli organi escretori, disintossica e purifica il sangue; e tanto altro ancora…

Commenti disabilitati su INSALATA FANTASIA CON FAGIOLINI

PESCE PALOMBO PANATO AL LIMONE

| Pesce

Il pesce palombo panato al limone: un ottimo e gustoso secondo piatto di mare che gradiranno anche i più piccoli.

paloforno5

INGREDIENTI PER IL PESCE PALOMBO PANATO AL LIMONE

Per 4 pers.

800 gr. fi pesce Palombo in fette

Un limone bio

200 gr. di mollica di pane casereccio raffermo

Uno spicchio di aglio

Un ciuffetto di prezzemolo

50 ml. di olio evo

Sale e pepe q. b.

PROCEDIMENTO

Tritare finemente al mixer la mollica di pane con: lo spicchio di aglio, la scorza del limone (solo la parte gialla), il prezzemolo, sale e pepe.

paloforno1

In un piatto sbattere con una forchetta l’olio e il succo del limone. Salare poco le fette di palombo

paloforno2

Passare le fette di palombo nell’emulsione di olio e limone

paloforno3

Poi nella mollica di pane , pressandoli bene per fare aderire. Sistemarli in teglia antiaderente, altrimenti foderata con carta forno.

paloforno4Infornare a 180° per 25 min. circa o comunque fino a doratura della panatura. Il pesce palombo panato al limone va servito caldo. BUON APPETITO

paloforno

CURIOSITA’

PESCE PALOMBO

Il palombo è un pesce dal corpo slanciato ed appiattito, noto anche come vitello di mare. La sua carne è piuttosto apprezzata per il suo sapore forte e per il ridotto contenuto di lische. Pur essendo presente anche nel Mediterraneo viene pescato in prevalenza nei mari del Nord e giunge congelato sulle tavole dei consumatori. Ha un buon contenuto proteico, è ricco di acidi grassi polinsaturi e di minerali caratteristici come iodio, fosforo e calcio . Apprezzabile anche il contenuto di vitamina A e PP. è uno squalo non pericoloso per l’uomo. È un pesce predatore che si nutre di aringhe e crostacei. Dal punto di vista morfologico è un pesce di dimensioni medio-grandi: l’esemplare adulto può raggiungere una lunghezza di 160-170 centimetri e il peso di 13-15 kg, di colore grigio uniforme sulla parte dorsale e bianco sul ventre.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/tabelle-nutrizionali/palombo.htm

Commenti disabilitati su PESCE PALOMBO PANATO AL LIMONE

POLPETTE DI MELANZANE AL SUGO

| Verdure

Le polpette di melanzane al sugo: un must della cucina mediterranea. Buonissime e semplici da preparare.

polpmelsugo

INGREDIENTI PER LE POLPETTE DI MELANZANE AL SUGO

Per 4 pers.

Due grosse melanzane

200 gr. di pane casereccio raffermo

4 cucchiai di parmigiano grattugiato

Due spicchi di aglio

Due uova

Un ciuffo di prezzemolo

Qualche foglia di basilico

600 gr. di pomodori rossi maturi

Olio evo

Sale e pepe

Una cipolla

Pangrattato se serve

PROCEDIMENTO

Lavare le melanzane e tagliarle a dadi, sbollentarle per 3 min. in acqua salata.

polpmel1

Scolarle per bene. Fare intiepidire, nel frattempo ammollare in acqua: il pane casereccio raffermo. Quando le melanzane saranno tiepide strizzarle ancora un po’ con le mani, metterle in una ciotola, unire il pane ben strizzato, il parmigiano, uno spicchio di aglio tritatissimo, sale, pepe, il prezzemolo tritato e le uova. Lavorare con le mani. Se il composto risultasse troppo morbido aggiungere un poco di pangrattato. Ricavare delle polpette tonde e friggerle in olio evo.

polpmel3

Tenere in caldo. Nel robot tritatutto: mettere i pomodori sbucciati a pezzi, l’altro spicchio di aglio, la cipolla e qualche foglia di basilico.

polpmelsugo1

Tritare il tutto e versare in padella. Aggiungere 3-4 cucchiai di olio evo, basilico, salare e pepare. Cuocere 5 min. e unire le polpette.

polpmelsugo2

Cuocere altri 5 min. e spegnere. Le polpette di melanzane al sugo son pronte per essere servite calde o tiepide. BUON APPETITO.

polpmelsugo3

CURIOSITA’

MELANZANE

La melanzana è composta per il 92% da acqua, per il 3% da fibre alimentari, 1% proteine, carboidrati, ceneri e zuccheri.
Tra i minerali spicca in assoluto il potassio, seguito da fosforo e magnesio; in percentuale minore troviamo lo zinco, il ferro, il rame, il calcio il sodio e, in quantità bassissima, il selenio.
Sul versante delle vitamine annoveriamo: vitamina A, quasi tutte le vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5, B6 ), vitamina C, vitamina K, vitamina J e in quantità molto ridotta la vitamina E o Alpha-tocoferolo.

Commenti disabilitati su POLPETTE DI MELANZANE AL SUGO

FRITTATA DI SPAGHETTI AL FORNO

| Primi

La frittata di spaghetti al forno: niente di più semplice da preparare e niente di più gustoso da mangiare. Adattissima per un buffet o una tra amici, comoda perchè si può preparare in anticipo.

frittaspaghe

INGREDIENTI PER LA FRITTATA DI SPAGHETTI AL FORNO

Per 4 pers.

350 gr. di spaghetti

500 gr. di salsa di pomodoro fresco già pronto

4 uova

100 gr. di parmigiano grattugiato

olio evo q. b.

sale

basilico

PROCEDIMENTO

Lessare al dente in acqua salata gli spaghetti, scolarli e versarli in un’insalatiera. Condirli con la salsa al basilico, il parmigiano e le uova sbattute. Mescolare bene e versare nella teglia foderata di carta forno leggermente spennellata con olio. Infornare a 180° per circa 30 min, fin chè si sarà formata una crosticina dorata. La frittata di spaghetti al forno va servita tiepida o a temperatura ambiente.

CURIOSITA’

BASILICO

Il basilico contiene grassi, proteine, fibre, zuccheri e naturalmente acqua; presenti i seguenti minerali: calcio, sodio, manganese rame, potassio, fosforo, ferro, magnesio e zinco. Buona la presenza di vitamine, A, B (niacina, tiamina, riboflavina), vitamina C (acido ascorbico) e vitamina E. In ultimo sottolineiamo l’abbondante presenza di amminoacidi come il Triptofano, la Lisina, la Leucina, l’Acido aspartico, l’Acido glutamminico, l’Alanina, l’Arginina e altri ancora.
Come tutti sanno il pesto è un condimento tipico della Liguria il cui alimento di base è costituito dal basilico (ligure naturalmente); recentemente il pesto prodotto in Liguria con il basilico di determinate zone ha acquisito la denominazione di origine protetta (D.o.p.).
Gli ingredienti ufficiali del pesto sono costituiti (naturalmente) dal basiilco ligure, olio extravergine ligure, pinoli, formaggio parmigiano reggiano, pecorino, aglio e sale marino grosso.
Non tutta la zona ligure è adatta per la coltivazione del basilico atto alla realizzazione del pesto; la zona considerata idonea a questo scopo è quella compresa tra Genova Prà a Genova Pegli. Si considera ideale il basilico di queste zone in quanto tutti gli altri
paiono avere un leggerissimo sentore di menta.

Commenti disabilitati su FRITTATA DI SPAGHETTI AL FORNO

ZUCCHINE RIPIENE AL TONNO

| Verdure

Le zucchine ripiene al tonno: sono un modo saporito di gustarle.

zucctonno

INGREDIENTI PER LE ZUCCHINE RIPIENE AL TONNO

Per 4 pers.

4 piccole zucchine

150 gr. di tonno sotto olio

Uno spicchio di aglio

4 cucchiai abbondanti di grana o parmigiano grattugiati

4 cucchiai d pangrattato

Un ciuffo di prezzemolo

Due uova

Olio evo q. b.

Sale e pepe

400 gr. di pomodori pelati

basilico

PROCEDIMENTO

zucctonno2

Lavare, asciugare e tagliare le zucchine nel senso della lunghezza, con un cucchiaino scavare e togliere la polpa interna. Metterla nel mixer tritatutto insieme al tonno sgocciolato e allo spicchio di aglio. Versare in una scodella e unirvi i 4 cucchiai di formaggio grattugiato, i 4 cucchiai di pangrattato, prezzemolo tritato, le uova, pepe e poco sale. Mescolare e riempire le zucchine. Frullare i pomodori pelati. In una larga padella antiaderente far scaldare 4 cucchiai di olio, metterci le zucchine e farle rosolare 5 min. solo dal lato zucchina.  poi unire il passato, foglie di  basilico, sale, pepe e cuocere per 40 min. Coperto e a fuoco dolce. ogni tanto se si asciuga troppo aggiungere un mestolino di brodo vegetale. Le zucchine ripiene al tonno si servono tiepide o fredde.

CURIOSITA’

BASILICO

Non solo il basilico è un’ottima pianta aromatica in grado di dare più gusto ad una grande varietà di piatti della cucina mediterranea ma, grazie alle sue proprietà, rappresenta un valido aiuto naturale per la cura di diverse patologie. Secondo uno studio condotto in India il basilico si è rivelato un’arma efficace nell’alleviare i dolori derivanti dall’artrite, che come sappiamo è una fastidiosissima patologia che colpisce le articolazioni; è stato dimostrato che l’assunzione di succo di basilico concentrato in pastiglie, può ridurre notevolmente le dimensioni delle articolazioni ingrossate e doloranti a causa dell’artrite. Sempre da questo studio è emerso che l’assunzione di basilico crudo serve a contrastare e combattere diversi tipi di infiammazione come raffreddori e malattie della pelle. Questa particolare proprietà del basilico sembra sia da ricondursi alla sostanza che conferisce il caratteristico aroma al basilico, l’eugenolo.
Il basilico viene anche impiegato come sostanza stimolante dell’apparato intestinale, in quanto, le sue proprietà facilitano la digestione e favoriscono l’appetito, non solo; il basilico rafforza il sistema nervoso, allevia gli stati d’ansia e di nervosismo, è utile nei casi di insonnia ed utilizzabile anche in caso di asma, bronchiti e tosse.
In ultimo è in grado di aumentare la produzione di latte materno durante l’allattamento e di lenire il fastidio delle punture di insetti. Cosa volere di più da questa pianta?

Commenti disabilitati su ZUCCHINE RIPIENE AL TONNO