Torta Arancia (senza burro e senza uova)

La mia ultima creazione è una torta un po’ particolare: la torta Arancia è infatti un dolce privo di burro e uova, ed è particolarmente indicato per i golosi che non vogliono proprio rinunciare al dessert…pur restando in linea!

In realtà tutti possono apprezzare questa torta perchè è davvero facile da fare, profumata, gradevole e salutare. Vediamo come farla, considerando che le quantità sono per una tortiera di 20-22 cm:

  • PER LA BASE:
  • 220 g di farina
  • 50 ml di olio di semi
  • 150 g di zucchero
  • 180 ml di succo di arancia appena spremuta
  • 120 ml di latte
  • 1 bustina di lievito
  • PER LA CREMA:
  • 250 ml di succo d’arancia appena spremuto
  • qualche goccia di aroma di vaniglia
  • 100 g di zucchero
  • 40 ml di acqua
  • 45 g di amido di mais

Iniziate preparando la base della vostra Torta Arancia; mettete in una ciotola capiente tutti i liquidi, in un’altra tutti i secchi. Mescolate prima separatamente, e poi unite i secchi ai liquidi, aiutandovi ad incorporare con le fruste elettriche. Otterrete un composto cremoso e liscio.

Foderate la tortiera scelta con carta da forno o con uno strato di burro+farina, versatevi dentro la base della torta e infornate a 180° per 45 minuti.

Occupatevi ora della crema, anche questa molto veloce e semplice: in una casseruolina mettete l’amido di mais e lo zucchero. Iniziate ad amalgamarlo all’acqua e al succo di arancia con l’aiuto di una frusta, facendo ovviamente attenzione alla formazione di grumi. Portate a bollore mescolando continuamente con una cucchiarella, e lasciate che si addensi. Spegnete e capovolgete la crema in un piatto fondo, o in una ciotola.

Foderate con pellicola bucherellata cosicchè sia immune alla patina che si forma solitamente sulle creme quando raffreddano, e aspettate che la vostra torta sia pronta per essere farcita (come sempre, lasciate che la torta intiepidisca automaticamente a forno spento e sportello aperto!).

Riguardo la cottura voglio consigliarvi una cosa importante: se siete nel dubbio nonostante la prova stecchino, non vi fate scrupoli ad allungare di altri 5 o 10 minuti la cottura della torta; è improbabile che si bruci eccessivamente, ma se proprio non volete correre rischi potete anche abbassare la temperatura a 170°.

Spolverate a volontà con zucchero a velo!

 

Precedente Chips aromatizzate di patata Successivo Contorno invernale con broccoli e rucola