Rösti di patate saporiti

I rösti di patate sono una un piatto svizzero molto famoso: a base di patate, burro e sale, queste deliziose frittelle sono ormai conosciute in tutto il mondo per la loro bontà. Oggi vi voglio presentare la mia versione, ma credo sia interessante farvi conoscere in poche righe le loro origini…e le varianti più sfiziose!

Questo piatto era originariamente cucinato dai contadini nella zona della città di Berna che lo mangiavano per colazione. La ricetta base del Rösti svizzero prevede l’utilizzo di patate (a crudo o precedentemente bollite), burro e sale, ma è possibile gustarne diverse varianti nei vari cantoni svizzeri, infatti anche se la ricetta base prevede solo patate, spesso vengono aggiunte cipolle, pancetta, formaggio, erbe aromatiche o anche mele.

A volte è servito come contorno, ad esempio per accompagnare lo sminuzzato di vitello cotto in padella con panna, piatto tipico di  Zurigo e per questo definito “alla zurighese”.

Nella realtà dei fatti il Rösti di patate è un piatto tipico solo della Svizzera tedesca. L’enorme importanza che questa pietanza ha nella cultura elvetica si denota anche dal fatto che il confine fra la Svizzera tedesca e quella francese viene chiamato il Röstigraben ossia il “fossato del Rösti”. Addirittura nell’est del Paese il nome di questa portata è così popolare da essere diventato anche un cognome di diverse centinaia di svizzere e svizzeri.

 

Oltre al Rösti di patate classico, negli ultimi anni si sono imposte altre ricette, le più note delle quali sono il Rösti di Berna (con la pancetta), il Rösti della Turgovia (con mele e pere) o il Rösti del malgaro (con formaggio di montagna).

(grazie a travelweare.com per le informazioni)

Ingredienti:

  • 500 g di patate
  • 1 cucchiaio di burro (all’incirca 25 g)
  • sale
  • pepe nero
  • erba cipollina
  • 2 cucchiai di Parmigiano
  • 3 fette di formaggio a pasta filata

Sbucciate le patate e passatele sulla grattugia a fori grossi. Mettete la risultanza immersa in acqua molto fredda e lasciate riposare per mezzora in frigo, cosicchè le patate spurghino l’amido in eccesso.

Scolatele e sciacquatele con cura, poi strizzatele e asciugatele con un canevaccio pulito. Condite con erba cipollina, una bella presa di sale, una spolverata di pepe ed un cucchiaio di Parmigiano.

Mettete a sciogliere il burro in padella, a fiamma bassa: distribuitelo per tutta l’area della padella (io l’ho utilizzata di diametro 24 cm, ma vi consiglio di non utilizzarne una più grande…al limite potete aumentare le patate!) e versateci sopra le patate. Livellate con l’aiuto di una paletta, coprite e lasciate cuocere a fiamma medio-bassa per circa 15 minuti.

Con l’aiuto di un piatto, rigirate il rösti e lasciatelo cuocere altri 10 minuti. Dopodichè, alzate un po’ la fiamma per farlo diventare croccante e imbrunito, lasciate che cuocia per un paio di minuti e rigiratelo ancora.

Sulla superficie spargete il formaggio ridotto in listarelle, il parmigiano, altra erba cipollina.

Spegnete la fiamma e coprite, lasciando a riposo per qualche minuto per far si che il formaggio si sciolga alla perfezione, e che il rösti prenda compattezza.

Servite tagliato a spicchi, filante e saporito.

Per un’alternativa light, potete foderare con carta da forno e successivamente spennellare la leccarda con del burro, compattare le patate grattuggiate e infornare a 210° per circa 20-25 minuti, o almeno finchè non sia ben dorato!

Precedente Spaghetti con datterini gialli e branzino su crema di agrett Successivo Caramelle Gelèe alla frutta