Fusilloni al sugo d’asparago selvatico

I fusilloni al sugo d’asparago selvatico sono un primo piatto che adoro, tutto vegetale: in particolare, se seguite le mie indicazioni, la cottura dell’asparago regge per più di mezzora senza che questo divenga moscio e perda consistenza. Provare per credere!

Ingredienti:

  • 320 g di fusilloni
  • 300 g di asparagi selvatici
  • qualche pomodoro ciliegino
  • 400 ml di polpa fine di pomodoro
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 costa di sedano
  • 2 carote
  • 2 patate
  • 1 cipolla piccola
  • sale fino
  • sale grosso
  • olio evo

Prima di tutto tagliate gli asparagi, lasciando le punte consistenti, e tagliando a segmenti di circa 1 cm il resto del gambo edibile; La parte finale potrete lasciarla intera.

Mettete da parte qualche asparago intero per decorazione!


Per il brodo, mettete in casseruola circa 2 litri di acqua, un cucchiaio raso di sale grosso, i gambi dell’asparago, la cipolla tagliata a metà, uno spicchio d’aglio, le carote e le patate fatte a pezzi, qualche pomodorino, il sedano e portate a bollore. Lasciate sobbollire per una quindicina di minuti, coperto e a fiamma bassa.

In un wok, o una padella antiaderente, mettete a soffriggere uno spicchio d’aglio tagliato a metà con un filo d’olio e qualche ciliegino; appena sarà dorato, aggiungete gli asparagi e saltate. Iniziate a stufarli aggiungendo a mestolini il brodo bollente per circa 5 minuti. Aggiungete la polpa di pomodoro, mescolate bene e coprite col paraschizzi.

Ora dovrete semplicemente far cuocere per una mezzora il sughetto d’asparago, idratando ogni tanto con il brodo. Nel frattempo, gli asparagi decorativi dovranno essere tuffati nel brodo per 3 minuti circa e freddati sotto l’acqua.

Lessate i fusilloni, scolandoli al dente, e ripassateli nel sugo, saltandoli per bene. Ecco a voi il piatto finale: un profumo ed un gusto irresistibili!

Ovviamente vi avanzerà il brodo d’asparago…quindi avete già la cena pronta! Vi basterà passare nel passaverdure il tutto e modificare a vostro piacere la consistenza, per creare una corposa vellutata…o per una bella minestra delicata!

Precedente Pesto fresco di zucca e melanzana Successivo Fettuccine in trionfo di funghi freschi