Branzino al cartoccio profumato alle verdure

Il branzino è un pesce meraviglioso: è pregiato, magro, adatto a molte cotture; è ottimo per i ragù, alla brace, all’acqua pazza, in crosta o fritto, contiene un’infinità di proprietà nutritive ed è, a mio parere, probabilmente il pesce più gustoso tra tutti, per cui in questo blog lo proporrò in più modi.

Intanto, oggi vediamo come prepararlo al cartoccio!

Ingredienti:

  • 4 branzini (350-400 g ognuno)
  • 8 pomodorini
  • 4 spicchi d’aglio
  • 1/2 cipolla dorata
  • 1 limone
  • 8 frutti di cappero
  • sale
  • olio evo
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • pepe 4 stagioni
  • 4 rametti di rosmarino freschi
  • prezzemolo fresco
  • 1 patata
  • 1 carota
  • 1 zucchina piccola
  • timo, zenzero, bacche di ginepro, alloro, paprika dolce, maggiorana (secchi)

Come prima cosa, dovete unire in una ciotola questi ingredienti lavati, puliti, tagliati a cubetti: cipolla, aglio, patata, carota, zucchina; insaporiamo il tutto con una bella presa di sale e una macinata di pepe, ed il mix di spezie, che dovrebbe essere un cucchiaino raso in totale; unite infine un bel cucchiaio colmo di prezzemolo fresco, tritato al momento, un po’ di vino, un po’ di limone, i capperi incisi, e lasciate amalgamare tutti i profumi per una mezzora, inserendo dentro anche un cucchiaio generoso di olio evo.

pesce2

Prendete i branzini. Puliteli e farcite la pancia con il mix di verdure, rimpinzandoli ben bene con le verdure. A questo punto, accendete il forno (ventilato) a 250° e cominciate a preparare la leccarda.

pesce4

pesce5

pesce5bisFoderatela e chiudete i branzini in un cartoccio di carta da forno, avvolgendoli poi singolarmente in ulteriori cartocci di alluminio. Prima di chiudere il cartoccio, distribuite su ogni branzino circa 50 ml di vino bianco secco, una spruzzata di limone, una spolverata di pepe, un filo d’olio evo, un rametto di rosmarino e qualche stelo di prezzemolo intero. Per chi ama il sapore dell’aglio, consiglio di metterne, in questo passaggio, uno spicchio in camicia.

pesce6

pesce7

Infornate il pesce a 250°, senza mai girarlo o aprirlo, per 20 minuti esatti. Una volta spento il forno, lasciatelo per 3 minuti a sportello aperto, senza ancora aprire il cartoccio.

Quando lo servirete a tavola, avrete il branzino al cartoccio più tenero, saporito e invitante che abbiate mai assaggiato. Provare per credere!

 

branzo3

branzo6

branzo9branzo2

Vi consiglio di servirlo a tavola con gli Spicchi rustici di patate al forno, che trovate sempre sul mio blog, su questo link:

Spicchi rustici di patate al forno

…e di provarlo con la mia Salsa verde profumata al limone e senape, su questo link:

Salsa verde profumata al limone e senape

Seguitemi su Facebook per restare sempre aggiornati con le novità!

https://www.facebook.com/incucinaconfloriana/

Precedente Spicchi rustici di patate al forno Successivo Tagliatelle al ragù di platessa