Cake Design Italian Festival 2013 : la mia esperienza da spettatrice


In vista della nuova edizione del Cake Design Italian Festival che si terrà a Milano, presso lo Sheraton Hotel di Malpensa il 3-4-5 ottobre 2014 e organizzato da Silovoglio ho pensato di raccontare la mia esperienza al festival del 2013. 


“ La terza edizione del Cake Design Italian Festival promette di stupire” questa è la frase che accoglie i visitatori. 


Non avevo mai partecipato ad un festival tutto dedicato al cake design e come ben sappiamo “la prima volta” non si scorda mai! Sono partita da Lugano alle 10.15 circa, in treno. Fortunatamente nessun ritardo ha ostacolato il mio arrivo a Milano. Piccolo momento di panico quando, guardando il tabellone luminoso degli orari, non vedevo il binario del Malpensa Express. Chiedendo informazioni ho scoperto che parte sempre dal binario 3 (ricordatevelo se dove anche partire per qualche viaggio, un binario poco visibile.


foto scatta da Anaïs Martignoni



 L’avventura inizia davvero! Aspetto l’arrivo del treno immersa nei miei pensieri quando vedo arrivare una ragazza, con una grande scatola bianca, una valigia e una valigetta in alluminio con stickers di cupcakes. Andrà sicuramente al Cake Design Festival, penso io, sicuramente è una cake designer! La osservo un po’ chiedendomi : chissà che bella torta avrà in quella scatola! Che coraggio trasportarla in treno! Pochi minuti, si avvicina e mi chiede conferma del treno, anche lei non trovava il binario. Cominciamo a parlare, l’aiuto con la valigia quando deve salire sul treno e mi chiede se facciamo il viaggio assieme. Scegliamo i posti, l’aiuto a sistemare la valigia. Finalmente ci sediamo, ci presentiamo e iniziamo a chiacchierare scambiandoci opinioni su varie ricette, mi spiega il suo lavoro, dove abita, mi racconta di suo figlio e della fatica che ha fatto per realizzare una sirenetta da portare in esposizione al Festival. 

Il treno arriva al Terminal 1 di Malpensa, sono già passati 45 minuti! Sono volati grazie alla chiacchierata con Teresa(questo il nome della mia compagna di viaggio che è una bravissima cake designer: il suo sito). Arriviamo alla stazione, saliamo le scale mobili e ci troviamo all’aeroporto. Dove dobbiamo andare adesso? Non c’è paura, le torte allineate lungo un corridoio di vetro, ci indicano la strada. L’emozione sale nel vedere quei favolosi capolavori! Sento già l’odore inconfondibile della pasta di zucchero! Entriamo allo Sheraton Hotel( che ospita l’evento) e ci salutiamo: Teresa deve fare il check-in mentre io devo andar a ritirare la Cake Maps che mi darà una gift bag qual’ora riuscissi a recuperare le firme di tutte gli stand presenti al festival: la missione comincia! 

Attraverso un corridoio ricco di torte decorate, favolose! Accanto a loro il Ktichenaid Bar: ebbene c’erano tantissimi colorati kitchenaid! Favolosi! 

foto scattata da Anaïs Martignoni


Salgo le scale mobili e appena arrivo in cime : il paradiso! Un lunghissimo tripudio di espositori (l’elenco è consultabile qui :http://http://www.cakedesignitalianfestival.com/index.php/il-festival-storia-e-dettagli/espositori) che vendono ogni oggetto dedicato al cake design! Mi ferma un ragazzo, chiedendomi se volevo registrarmi al sito DeAgostini e aggiudicarmi una padella per cialde! Perché non tentare? Mi registro e per mia grande sorpresa mi danno la padella! Comincia davvero bene questa giornata! Decido di cominciare facendo un giro di perlustrazione e riuscir a recuperare i timbri per la Gift Bag.


il contenuto della Gift bag : Una copia di Crea e Decora i tuoi dolci con set di stampini per lettere. Una farina biologica 00, un tappetino per fantasia su pasta di zucchero, una spatola, depliant sui vari espositori. 

La padella per le cialde invece mi è stata data da DeAgostini 




 I corridoi dello Sheraton sono un tripudio allo zucchero, al colore, alla maestria di giovani e meno giovani cake designers che si esibiscono in dimostrazioni. 

foto scattata da Anaïs Martignoni




Il profumo della pasta di zucchero che invade l’aria mi fa capire quando amo il mondo del cake design. Durante il secondo giro, dopo aver ritirato la gift bag, è tutto dedicato alle foto, mentre il terzo giro è dedicato al piccolo shopping che ho fatto( mi sono limitata perché avrei potuto comprare di tutto, ma ho preferito aspettare e capire quali sono gli strumenti che mi servono davvero )



I miei tre acquisti invece sono stati: lo smoother angolato di Wonder Cakes, lo stampo con venatore per fiore a 5 petali, e un set di coperchi tutto fare della Pavoni



 Che dire di questo festival? Sicuramente molto ben organizzato, la struttura è perfetta per ospitare questo evento e tutti i partecipanti sono disponibili, nonostante la miriade di persone, a rispondere alle tue domande. L’anno prossimo, mi organizzerò per svolgere qualche corso. Certo è che non mi perderò mai più questo favoloso festival e chissà che magari tra 1 o 2 anni non ci sarà esposta anche una mia creazione :)

Vi lascio ad una serie di foto che ho scattato personalmente . 

foto scattata da Anaïs Martignoni presso lo stand: Nana e Nana cakes



Spero che questo post via sia piaciuto. Sicuramente anche quest’anno andrò a curiosare al festival. 
Buona giornata a tutti voi! 





Comments are closed.