Topinambur trifolati

 

I topinambur trifolati mi fanno davvero impazzire. Hanno la consistenza delle patate e il sapore dei carciofi, praticamente un miracolo.

Chissà perché sono così poco diffusi qui da noi. Sono buonissimi, economici, meno rognosi dei carciofi da topinambur trifolati - interipulire e veloci da cucinare. Cosa chiedere di più?
Ecco come si presentano.

Topinambur trifolati

per 4 porzioni di topinambur trifolati ti servono:

  • 500 gr di topinambur
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 ciuffetto di prezzemolo
  • 3 cucchiai d’olio evo
  • 100 gr di acqua
  • sale e pepe a piacere

 

Ecco come devi fare:

per prima cosa lava bene i topinambur sotto l’acqua corrente e strofinali con uno spazzolino da verdure perché in genere hanno un po’ di terra attaccata.

Poi sbucciali come fai normalmente con le patate, topinambur trifolati pelaturaquindi o con un pelapatate o con un coltellino affilato. Però non c’è bisogno di togliere completamente la la buccia, anzi, se ne lasci un po’ qua e là darà una bella croccantezza finale al piatto.

Torna di nuovo sotto l’acqua corrente per una sciacquata finale.

Con un coltellino affilato taglia i topinambur a fettine di circa 4 millimetri. Prendi una padella corredata di coperchio e versaci le fettine di topinambur, aggiungi l’aglio sbucciato, il prezzemolo tritato, l’olio, l’acqua, il sale e il pepe. Tutto insieme, tutto a freddo.

Metti sul fornello e parti a fuoco vivace. Appena è tutto ben caldo, copri e abbassa la fiamma.
Lascia cuocere così per una ventina di minuti se come me ami le verdure un po’ croccantine, se invece le preferisci più morbide prosegui la cottura per altri 5 o 10 minuti.

Ecco il risultato finale. Che te ne pare?topinambur trifolati

 

 

 

 

 

 

 

postato da Mozzarella

 

 

Precedente Uova stregate di Cher Successivo Panna cotta vintage