Ruoto della fortuna

Il ruoto della fortuna si chiama così perché nasce da un errore. Errore che si è rivelato oltremodo fortunato.

‘Ruoto’ a casa mia (e in tutte le case di noi terroni) sta per ruoto della fortuna (1)teglia.
‘Fortuna’ è termine trasversalmente noto.

Dunque, io ero solita cuocere le verdure per 1 oretta, e venivano molto buone.
Ma la volta che mi si è allagato il bagno mi sono scordata il ruoto in forno per più di  2 ore. E sapete cosa? Le verdure sono diventate croccantissime e più buone che mai!

L’unica controindicazione è che si riducono molto, quindi se avete tante bocche da sfamare cuocetele meno.
O fate direttamente un altro contorno.

Le seguenti dosi sono per 4 se cotte in modo ortodosso, diventano per 2 se decidete di optare per la versione fortunata.

 

Ruoto della fortuna

per un ruoto di 30 cm ∅:

  • 2 patate medie
  • 1 melanzana grossa
  • 1 peperone
  • 2 cipolle
  • 50 gr di olio extra vergine
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • origano
  • sale e pepe

 

Ecco come dobbiamo fare:

cominciamo col lavare e asciugare benissimo le 4 verdure: quando le inforneremo non dovranno assolutamente essere bagnate.
Poi sbucciamo e tagliamo le patate e le cipolle a rondelle di 3 o 4 mm di spessore, e il peperone e la melanzana a bastoncini grossi un dito e lunghi una decina di cm.
Valutiamo se serve asciugare di nuovo le verdure.

ruoto della fortuna (3)

 

Accendiamo il forno a 200° e iniziamo la composizione del ruoto: cospargiamo il fondo di olio, spolveriamo con pangrattato e facciamo un primo strato di patate.

Le condiamo con sale, una spolverata di pangrattato e un giro di olio.

 

 

ruoto della fortuna (4)

 

 

Passiamo al secondo strato che sarà composto dai bastoncini di melanzana e di peperone.
Anche stavolta condiamo bene con sale, pangrattato e olio.

 

 

ruoto della fortuna (5)

 

 

E concludiamo l’ultimo strato con le cipolle.

Mettiamo ancora sale olio e pangrattato e aggiungiamo anche il pepe e una bella sventagliata di origano.

Inforniamo e non tocchiamo più per mezz’ora, 40 minuti.

 

 

 

ruoto della fortuna (6)

 

A questo punto le verdure hanno cominciato ad appassirsi e possiamo dare una prima mescolata senza tema che tirino fuori l’acqua.

Cuociamo ancora, girando di tanto in tanto, per una mezz’ora se scegliamo la versione tradizionale.

Per il ruoto della fortuna invece continuate a cuocere, senza paura, anche per 2 ore e mezza.
Però sorvegliate e ogni tanto e date una mescolata: è vero che è il ruoto della fortuna ma si sa anche che la fortuna è cieca, quindi è più sicuro se un occhio glielo buttate voi.

 

postato da Paffi

 

Precedente Pollo italocinese alle mandorle Successivo Patate duchesse della felicità