Ragù alla bolognese DOC

 

Questa ricetta del ragù alla bolognese è opera de ‘la Tina‘, la bolognesissima, mitica, mamma della Elide, tanti tanti anni fa.ragù alla bolognese DOC ravvicinato

Da allora ne ho provate un’infinità ma questa per me resta la regina incontrastata, tanto da essersi guadagnata sul campo – il mio – la qualificazione di DOC.

Il suo segreto è usare rigorosamente il diaframma o, a Roma, pannicolo, di manzo o vitellone. Che però non sempre è disponibile. La cosa migliore è chiedere al nostro macellaio di mettercelo da parte, oppure di ordinarlo espressamente.

 

Ragù alla bolognese DOC

per condire 4 porzioni di pasta ci serve:

  • 1 cipolla piccola
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 500 gr di diaframma di manzo macinato grossoragù alla bolognese DOC
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 50 gr di burro
  • una tazzina di latte
  • 300 gr di conserva di pomodoro
  • 600 gr di acqua
  • sale

 

Ecco come dobbiamo fare:

tritiamo finemente la cipolla la carota e il sedano, e facciamo un bel battuto. Lo versiamo in una casseruola – di coccio se vogliamo esagerare, ma non è indispensabile – aggiungiamo anche la carne macinata, l’olio, il burro, il latte, la conserva di pomodoro, l’acqua e il sale. Tutto insieme a freddo.

Ora andiamo sul fuoco e portiamo a bollore, abbassiamo la fiamma al minimo e copriamo. Dobbiamo lasciar sobbollire lentissimamente per almeno due ore, girando di tanto in tanto.

Tutto qua, vi pare possibile? Eppure è così, è il più buon ragù che esista.

Ovviamente ci condiremo le tagliatelle ma il ragù alla bolognese DOC è anche un super ripieno per ravioli, tortellini e agnolotti.
Se vi piace ricevere complimenti quando mettete la gente a tavola, questo è un modo infallibile per riscuoterne a palate.

 

postato da Paffi

 

Precedente Insalata di peperoni rossi alle erbe aromatiche Successivo Patate in salsa di marmellata