Peperoni imbottiti di pane

 

Peperoni imbottiti di pane: piatto povero? Sissignori! Ma come tutti i piatti poveri è di una bontà madornale.peperoni imbottiti di pane

Peperoni ‘mbuttunati  si chiamano a Trevico, mille anime in provincia di Avellino, paese di mio padre e dei miei nonni, dal quale proviene questa squisitezza.

I peperoni devono essere quelli piccoli e tondi perché il rapporto peperone/ripieno raggiunge il suo equilibrio perfetto solo con queste dimensioni di peperoncini.

E il segreto perché siano perfetti è che… vanno mangiati il giorno dopo.

 

Peperoni imbottiti di pane

per 4 porzioni ci servono:peperoni imbottiti giachi

  • 8 peperoncini piccoli
  • 8 fette di pane raffermo
  • 16 capperi
  • 1 cucchiaino di pasta d’acciughe
  • 1 bel ciuffo di prezzemolo
  • 2 foglie di basilico
  • origano abbondante
  • 1 pomodoro da sugo
  • 50 gr di pecorino grattugiato
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 cucchiai di olio extra vergine
  • sale

 

Ecco come procediamo:

cominciamo col decapitare i peperoncini e teniamo da parte il coperchio.
Togliamo i semini e i filamenti e laviamo bene. Lasciamoli a testa in giù ad asciugarsi, ognuno col suo coperchietto accanto (che se no poi diventiamo pazzi a ritrovare quello corrispondente).

Prepariamo il ripieno. Stacchiamo la mollica di pane dalla crosta e a mano riduciamola in briciole. Ci peperoni imbottiti di pane3aggiungiamo i capperi, il basilico e il prezzemolo tritati insieme, l’olio, la pasta d’acciughe, il pecorino grattugiato, il pomodoro spellato e tagliato a dadini piccolissimi, tanto origano e poco sale.

Assaggiamo: i pomodori dovrebbero mitigare il salato dei capperi e della pasta d’acciughe, ma non si sa mai, quindi regolatevi a piacere e decidete se serve aumentare qualche ingrediente.

Accendiamo il forno a 200°.

Riempiamo bene i peperoni pigiando il ripieno con un cucchiaino.
Mettiamo i coperchi sopra ogni peperoncino e andiamo in  forno a 200° per un’oretta o comunque fino a che non vediamo che i peperoni sono ben cotti.

Tiriamoli fuori dal forno, tagliamo ogni spicchio d’aglio di 4 fettine nel senso della lunghezza, mettiamo una fettina sopra ogni peperone, rimettiamo il coperchio e lasciamo freddare così.

Appena freddi mettiamoli in frigo e cerchiamo di aspettare il giorno dopo prima di mangiarli: questa è la morte loro.
Se però non ce la facciamo, pazienza, sono strabuoni anche subito.

 

postato da Paffi

 

Precedente Pollo alla birra con aglio e zenzero Successivo Pasta fredda con salmone, aneto e avocado