Brasato alle ciliegie

brasato ciliegie 12Ci vogliono 3 lunghe ore di cottura per ottenere questo magnifico brasato alle ciliegie, e forse anche qualche minuto di più, ma ne stravale la pena.

La mia gratitudine va a Graziella, maestra indiscussa di comportamento e di saper vivere per tanti di noi, che mi ha aperto le pagine del suo libro privato La nonna in cucina,  destinato esclusivamente a Federico.

Alla mia lettera di complimenti Graziella risponde con la modestia che la contraddistingue: “Semplicemente amavo la cucina e il mio (allora unico) nipote Federico e ho messo insieme le due cose”.

Mai addizione fu più opportuna!

Ecco il suo:

 

Brasato alle ciliegie 

per 8 persone (per una volta che si fa, tanto vale farne parecchio!):brasato ciliegie 19

  • 1 kg di manzo per brasato (i tagli migliori sono il fesone di spalla, il cappello del prete, il codone, il geretto, il pesce o il reale)
  • 500 gr di ciliegie
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 bicchiere di brodo ristretto (o in alternativa di acqua calda ben salata)
  • 3 cucchiai di senape
  • 50 gr di olio extravergine 100% italiano
  • 30 gr di burro
  • sale e pepe

 

Seguo pedissequamente le istruzioni di Graziella:

comincio col massaggiare il pezzo di carne con la brasato ciliegie 1senape e sale e pepe.

Scelgo un tegame che possa andare sia sul fornello sia in forno, altrimenti dovrò usarne due e travasare la carne col suo sugo da uno all’altro.

Sul fuoco allegro rosolo bene il mio pezzo di carne con l’olio e il burro, e lo sigillo completamente.

A doratura ultimata aggiungo lo zucchero, il vino e il brodo, e lascio andare per mezz’ora, scoperto, rigirando spesso.

Nel frattempo preriscado il forno a 150°.

Trascorsa la mezz’ora passo il tegame in forno, dove dovrà rimanere per 2 ore durante le quali volterò di tanto in tanto la carne, innaffiandola col suo sugo e, se si dovesse asciugare troppo, aggiungerò, poco a poco del vino caldo.brasato ciliegie 17

Ora lavo le ciliegie, tolgo piccioli e noccioli e le aggiungo alla carne, facendo cuocere ancora
mezz’ora: il brasato deve risultare tenerissimo.

Se passato questo tempo il sughetto dovesse essere troppo liquido, torno di nuovo sul fornello e faccio andare fino a che si restringa e si addensi .

Metto il brasato su un tagliere e aspetto che si freddi prima di affettarlo.

Dopodiché scelgo se servirlo caldo o freddo: è eccezionale in tutti e due i modi ma io lo preferisco caldo.brasato ciliegie 14
Quindi lo riscaldo insieme alla sua salsa, lo sistemo nel piatto da portata e lo porto trionfalmente ai miei ospiti!

 

postato da PannaAcida

Precedente Saint honoré salato Successivo Pollo italocinese alle mandorle