Le tigelle o crescentine

Le tigelle o crescentine sono delle focaccine tipiche modenesi con un impasto semplicissimo a base di farina, acqua, latte, strutto e lievito di birra.

Originarie di Modena, ma diffusissime in tutta l’Emilia Romagna, venivano cotte in testi di terracotta chiamati tigelle, da cui prendono l’attuale nome, oggi si utilizza una tigelliera in alluminio o anche una comunissima padella antiaderente

Le tigelle o crescentine, una volta cotte, si possono gustare calde accompagnate da affettati misti e formaggi, magari un ottimo prosciutto crudo di Parma e del Parmigiano stagionato, anche se la tradizione prevede l’uso dellla cunza , un saporitissimo battuto di lardo e rosmarino noto anche come pesto alla modenese.

 

Le tigelle o crescentine

 

Ingredienti per 15 pezzi :
750 g di farina 00
200 g di acqua
300 g di latte
15 g di lievito di birra
60 g di strutto
50 g di olio e.v.o
5 g di sale fino

 

  • Inizia versando la farina assieme allo strutto ed al lievito sbriciolato nella scodella di una planetaria.
  • Aggiungi il latte e inizia a far lavorare con il gancio a spirale per un paio di minuti dopo di che aggiungi anche l’olio.
  • Quando l’impasto si staccherà dalle pareti della scodella aggiungi un cucchiaino di sale fino e continua a lavorare per altri 5 minuti.
  • Ottenuto un panetto compatto sposta su di una spianatoia infarinata e lavora con le mani fino a renderlo omogeneo e liscio.
  • Fai lievitare l’impasto per almeno 4 ore in un luogo asciutto e a temperatura ambiente.
  • Lievitato sposta il tutto nuovamente sulla spianatoia infarinata e con un mattarello stendilo ad uno spessore di 5 mm.
  • Con un coppapasta rotondo di 10 cm di diametro coppa le crescentine o tigelle e falle riposare una mezz’ora.
  • Ora riscalda sul fornello la tigelliera da entrambe i lati poi cuoci i dischi di pasta a fiamma dolce per 5 minuti per lato.
  • In mancanza di una tigelliera anche una comune padella antiaderente andrà bene con l’accortezza di coprire in cottura.
  • Quando le crescentine o tigelle saranno leggermente brunite all’esterno e soffici al cuore sposta dal fuoco e fai intiepidire.
  • Tagliale a metà come un comunissimo panino e farcisci con quel che ti aggrada maggiormente.
  • Ecco pronto un antipasto o un aperitivo da veri intenditori.

Un abbraccio e un saluto

FB

 

Precedente Mezzelune al salmone con burro montato alla curcuma Successivo Baccalà in oliocottura con chantilly di ricotta