Torta Nua all’amarena

So che qualche tempo fa la torta Nua è stata una specie di bestseller della pasticceria ma io onestamente non ne avevo mai sentito parlare, poi girando nel web mi sono imbattuto nel nome Nua che mi ha incuriosito. Non ho idea di chi l’abbia inventata o preparata la prima volta, ma le torte morbide con la crema pasticcera mi piacciono assai e allora l’ho provata. Devo dire che pur non essendo alta pasticceria non è per nulla malaccio…anzi qua in famiglia è piaciuta molto e abbiamo fatto delle belle colazioni. La Nua poi è di facile preparazione, è golosa e si adatta bene alle mie abbastanza scarse capacità nel campo della pasticceria. Alla fin fine l’impasto è un classico uova, zucchero, latte e un grasso che leghi il tutto. Io sono affezionato all’uso del burro ma questa volta per attenermi alla ricetta che va per la maggiore della Nua, ho usato l’olio. Ho visto che molti adoperano l’olio d’oliva, ma ho preferito evitare perché l’extravergine che ho a disposizione ha un sapore troppo marcato e ho deciso d’utilizzare olio di semi d’arachidi. Per preparare la Nua bisogna cuocere una crema pasticcera che sia bella soda in modo che a fine cottura non scompaia nell’impasto. La crema deve invece creare delle zone nette di farcitura che siano ben distinguibili rendendo ancora più morbido e goloso il dolce. Nell’articoletto io vi descrivo la pasticcera che uso per farcire e che prevede un solo uovo perché il suo odore proprio non lo sopporto anche se mascherato dalla scorza di limone. Voi comunque preparate quella cui siete più affezionati, basta che dopo la cottura e il raffreddamento risulti consistente. Per aromatizzare la torta Nua la ricetta base prevede vaniglia e buccia di limone poi ho visto che in tanti si sono sbizzarriti con cioccolato nella crema, gocce nell’impasto, creme al limone. A me invece è venuta voglia di provare il sapore d’amarena che con la scorza di limone si adatta bene. Per ottenere il risultato ho utilizzato una bella dose di sciroppo d’amarene diminuendo un po’ la quantità di zucchero nell’impasto e devo dire che è una variane molto piacevole. Per completare l’estetica della torta Nua basta una spolverata di zucchero a velo o della granella di zucchero.

 

[recipe]

 

Con un dolce di pasta lievitata morbido e ricco di crema come la torta Nua ci vuole un buon vino dolce spumante sia un classico Asti oppure visto il gusto di amarena anche un buon Brachetto d’Acqui si adatterà bene.

 

Torta Nua all’amarena

 

Ps. Il tempo di preparazione comprende anche l’ora di attesa per raffreddare la crema pasticcera.

 

 

Precedente Piccoli paté di riso con pancetta e Praga Successivo Sedani al canestrato con tartufo siciliano

8 commenti su “Torta Nua all’amarena

Lascia un commento


*