Torta Braito alle mele

Ormai la chiamo torta Braito, anche se questo dolce è universalmente conosciuto come crostata. Io però non riesco considerarla tale perché a fine cottura della crostata classica non ha nulla non essendo né friabile né croccante. L’unico accostamento tra questo dolce e la crostata è l’alto tenore di burro che le caratterizza entrambe ma per il resto non ci vedo proprio altri punti di contatto. E’ un tipo d’impasto cui mi sono affezionato perché morbido e questa caratteristica viene tranquillamente mantenuta per 2 -3 giorni, inoltre è molto saporito. Altra sua caratteristica positiva è che si accosta facilmente e senza deludere a svariai tipi di farcitura. Riesce, infatti, ottimo con cucchiaiate di marmellata, valido con la crema al cioccolato e devo dire molto goloso con le mele.  La torta Braito si prepara con estrema facilità, non ci sono particolari accortezze da seguire per l’impasto occorre solo un po’ d’attenzione solo al momento in cui s’incorpora il burro che deve essere tagliato cubetti e lascito ammorbidire a temperatura ambiente. I pezzetti di burro vanno aggiunti poco per volta attendendo che quello inserito venga assorbito del tutto prima di unirne altro. Alla fine risulta una massa di consistenza abbastanza sostenuta simile a una crema al burro che andrà stesa in teglia con l’aiuto di una spatola o utilizzando il dorso di un cucchiaio. In entrambi i casi inumidite d’acqua gli utensili perché l’impasto della torta Braito è piuttosto appiccicoso. Con le dosi che trovate qui descritte potrete utilizzare una tortiera da 24 cm di dimetro e vi riuscirà una torta Braito alta 3 cm nel caso la desideriate più spessa, diminuite il dimetro a 22 cm. Di mele ne bastano un paio e da ogni frutto vanno ricavati 8 spicchi di una certa consistenza in modo che possano cuocere senza sfaldarsi completamente restando ben visibili al taglio. La torta Braito è anche abbastanza versatile per utilizzo, infatti, rappresenta un’ottima colazione, può essere sfruttata come merenda pomeridiana e una fettina chiude un pranzo o una cena tra amici senza sfigurare.

 

[recipe]

 

In abbinamento con la torta Braito alle mele orientatevi verso un bianco come un’Albana passito, io mi son trovato bene con un Gewurtztraminer alsaziano e ho stappato una bottiglia di Gewurztraminer Réserve – Appelation Alsace Controlee – Goustave Lorentz.

 

Torta braito con mele

 

 

Precedente Hamburger a modo mio Successivo Spaghettata con astice

Un commento su “Torta Braito alle mele

Lascia un commento


*