Sauté piccante di vongole

Questo sauté piccante di vongole quando arriva l’estate è un piatto che faccio spesso sia perché amo il sapore delle veraci, sia perché è di preparazione molto veloce. La ricetta è anche eclettica si può infatti sfruttare come piccola entrata ma, servita in dosi più abbondanti diventa un bel primo piatto di mare. In entrambi i casi deve essere accompagnata da fette di pane tostato. Il pane meglio che sia sciapo, tipo pane toscano, perché il sughetto di fondo risulta molto sapido. La salinità un po’ aggressiva del sauté piccante è presente perché il fondo contiene tutta l’acqua rilasciata dalle vongole che si aprono nella casseruola durante la cottura. Spassionatamente vi consiglio di tenere a mente questa ricetta perché con l’aggiunta di qualche piccolo crostaceo e qualche rotellina di mollusco s’arriva a creare un buon secondo piatto. In questo caso però stringete maggiormente il fondo di cottura creando un vera e propria salsa. Teniamo per ora a freno la fantasia e ritorniamo al nostro sauté piccante di vongole nella versione di piccola entrata. Per prepararlo occorrono 4-5 cucchiai d’olio d’oliva non troppo aggressivo di sapore e 700 – 800 g di vongole veraci, ma si adattano bene anche i lupini. Un bel ciuffo di prezzemolo, uno spicchio d’aglio, un peperoncino rosso secco e 8-9 pomodorini tipo ovetto o piccadilly completano la lista degli ingredienti. L’aglio cercatelo italiano ben profumato. Evitate le teste d’importazione e soprattutto quelle cinesi che rovinerebbero irrimediabilmente il piatto. Iniziate la preparazione tagliando i pomodorini in 4 e privandoli dei semi. Poi ricavatene delle falde separando la polpa dalla buccia con un coltello ben affilato e dalla lama flessibile e tenete da parte. Tagliate 4 fette di pane spesse 2 cm e tostatele infornando a 120° – 130° in modo che diventino croccanti senza brunire. Preparate il fondo con l’olio, l’aglio a lamelle, il prezzemolo tritato fine e il peperoncino sbriciolato. Fate prendere calore poi inserite le vongole e fatele aprire scartando quelle che restano chiuse. Aggiungete un paio di mestolini di brodo di pesce non salato, unite le falde di pomodoro e cuocete giusto il tempo che appassiscano. Basteranno 5-6 minuti poi spegnete, rispettando questi tempi le vongole rimarranno morbide. Il sauté piccante di vongole è pronto, servite subito in una bella scodella da porzione accompagnando con le fette di pane croccante.

 

[recipe]

 

Con questo sauté piccante di vongole ho stappato con soddisfazione un bottiglia di Grillo Tarucco.

Precedente Sformatini di riso piccanti ai peperoni e ricotta Successivo Focaccia barese senza patate

Lascia un commento


*