Risotto ai carciofi

Non amo tantissimo il risotto e preferisco i primi di pasta sia secca che fresca ma ogni tanto per cambiare ne metto uno in cottura. Oggi sotto le pressioni delle assaggiatrici di famiglia che invece apprezzano questo primo, mi sono deciso, ho dato di piglio a tre carciofi e le ho accontentate. La ricetta è molto semplice, ha gusto delicato e considerando il poco impegno che richiede ai fornelli merita la pubblicazione anche perché portata a tavola ha ottenuto un buon consenso. Per preparare questo risotto occorrono un’ora circa e pochi ingredienti. Per quattro porzioni ci vogliono quattro carciofi, 150 g di prosciutto cotto saporito tagliato a piccoli cubetti, 1\2 cipolla dorata, tre cucchiai di parmigiano e naturalmente 350 g di riso. Io di solito uso del superfino Arborio o del Carnaroli ma stavolta non ne avevo a disposizione e ho usato del Roma che ha reso comunque bene. I chicchi erano di buone dimensioni, ha rilasciato una giusta quantità d’amido in cottura e il risotto è risultato bello cremoso. Ho detto che preparare questo piatto è semplice ed in effetti è cosi, infatti anche se si devono fare tre cotture non c’è nulla di difficile. In una padella prima ammorbidite i fondi di carciofo tagliati a lamelle sottili, poi tostate nella casseruola il riso con i cubetti di prosciutto, unite i fondi e avviate la preparazione del risotto aggiungendo brodo vegetale. La terza cottura riguarda la frittura di una julienne ricavata dalle parti più morbide delle foglie del carciofo spuntate per ottenere i fondi. Questo piccolo fritto è perfetto come guarnizione per dare un po’ di verticalità al piatto. E’ però parte integrante del risotto anche dal punto di vista gustativo rafforzando il sapore di carciofo altrimenti un po’ troppo sfumato. Dona inoltre una nota croccante capace di creare un bel contrasto di consistenze con la morbidezza del riso. Evitate dunque d’eliminarlo attribuendogli una mera finzione estetica in realtà si rivela indispensabile per completare adeguatamente il piatto.

 

[recipe]

 

Con il Risotto ai carciofi bevete un vino bianco profumato ma di non eccessiva  acidità come uno Chardonnay del Collio oppure stappate una bottiglia di Cortese di Gavi. Dovrebbe rendere bene ma non ho provato anche l’abbinamento con un Vermentino di Gallura.

Precedente Torta salata con pomodorini e melanzane Successivo Alette di pollo fritte

Lascia un commento


*