Pollo al forno con patate

Il pollo al forno con le patate non può mancare in un blog di cucina come il mio che tratta soprattutto la cucina classica italiana e questa ricetta con pochissime variazioni è proposta da sempre in tutte le regioni della penisola. E’ poi un piatto cui sono molto affezionato perché ha spesso rappresentato nella mia famiglia d’origine il secondo del pranzo domenicale in alternativa all’arrosto di vitello con la peperonata o con le melanzane a funghetto. Col passare degli anni i piatti preparati dalle nonne diventano sempre più buoni almeno nella memoria di chi li ricorda e così è per me col pollo arrosto che ormai preparo solo quando riesco ad acquistare volatili giovani allevati a terra e nutriti adeguatamente in modo che le loro carni siano sufficientemente sode e di buon sapore. I trucchetti che mi sono rimasti in mente della ricetta originale fatta dalla mia nonna materna sono la preparazione di un misto di sale e pepe aromatizzato con aglio e rosmarino e l’inserimento di lamelle di burro sotto la pelle del petto per evitare che risulti stopposo a fine cottura. Il sale aromatico va usato sia all’interno sia all’esterno e conviene lasciarlo a contatto con le carni del volatile almeno un paio d’ore prima d’infornare in modo che abbia tempo d’agire. Mettetene un pochino anche sulle fettine di burro prima d’inserirle sotto la pelle perché lo spessore del petto richiede un po’ di condimento in più. Questo sale aromatico può essere modificato a nostro piacimento avrei, infatti, voluto aggiungere qualche fogliolina di salvia ma non ne avevo a disposizione ed è comodo da utilizzare ad esempio in questo piatto si condiscono contestualmente al pollo anche le patate di contorno. Un altro suo uso interessante si ottiene aggiungendone un pizzichino a qualche fettina di lardo battuto a coltello e spalmando il tutto su fettine di pane bruscato, riescono così facendo degli ottimi crostini caldi. Di mio in questa ricetta aggiungo solo mezzo limone che inserisco all’interno del pollo, trovo, infatti, che il suo gusto si armonizzi bene con quello delle erbe aromatiche. La cottura va fatta a forno statico impostato a 180°e 60-70 minuti, bastano per arrostire un pollo sul chilo e mezzo senza asciugarne troppo le carni poi solo alla fine accendete la ventilazione e aumentate la temperatura a 200° in modo da rendere croccante la pelle. Per completare questo goloso secondo piatto aggiungete le patate novelle a metà cottura e se sono di giusta misura, riusciranno ben cotte contemporaneamente al pollo comunque è sempre bene controllare quelle più grosse con i rebbi di una forchetta.

 

[recipe]

 

Per accompagnare questo pollo al forno molto aromatico e dalle carni succulente bevete un Merlot o un Valpolicella classico oppure rivolgetevi a un rosato siciliano come l’Igt Sicilia Lumera 2013 delle cantine Donnafugata.

Precedente Rigatoni con carciofi e pomodorini confit Successivo Girelle al salmone affumicato

Lascia un commento


*