Panini per hamburger

In rete si trovano tantissime ricette di panini per hamburger e molte le ho provate, qualcuna s’è rivelata accettabile altre hanno deluso le mie aspettative mancando della giusta morbidezza o per la durata veramente breve di questa caratteristica fondamentale. In pratica per tante di queste preparando i panini per hamburger nella mattinata arrivando la sera quando dovevo farcirli o erano già troppo asciutti oppure troppo elastici. Usare quelli già pronti e imbustati risolve almeno in parte i problemi di durata e di giusta consistenza ma il sapore non è esaltante, anzi per dirla tutta mi fanno passare la voglia di mangiare. I panini per hamburger preconfezionati li evito con cura un po’ per il gusto sgradevole come dicevo qualche riga più su e perché mi scatenano inenarrabili crisi d’acidità di stomaco a prescindere dal tipo di farcitura, probabilmente causati dall’alcool etilico adoperato nella grande industria come conservante dei prodotti da forno.  Dico questo perché questi fastidi mi capitano con qualsiasi pane imbustato e precotto trattato con questo conservante, tipo quello a cassetta o quello morbido da tramezzini, a prescindere dalla marca acquistata.  A forza di prove sono riuscito a scovare questa ricetta dei panini per hamburger del sito Un’Americana in cucina che m’ha risolto tutti i problemi di sapore , consistenza e durata. Dopo 24 ore mantenendoli chiusi in una busta di carta ci troviamo di fronte ad un pane utilizzabilissimo perché si riprende alla grande previa scottatura su una piastra di ghisa o su padella inaderente. Uniche modifiche che ho apportato rispetto alla ricetta originale sono state una drastica diminuzione della quantità del lievito di birra e una riduzione più moderata dello zucchero passato d 50 a 30 g, con la dose piena per i miei gusti i panini per hamburger risultano troppo dolciastri. L’impasto è semplicissimo perché diretto e tutto sommato veloce infatti pur essendo sottoposto due fasi di lievitazione nel giro di tre ore siamo pronti per infornare. Anche la cottura è breve, ponendo la teglia a metà altezza bastano, infatti, 15 minuti a 190° e senza ventilazione per ottenere dei panini da hamburger di ottimo livello. Poi per le farciture non c’è limite alla fantasia…

 

[recipe]

 

Per l’abbinamento enologico dei Panini per hamburger tutto dipende dalla farcitura utilizzata nella versione con funghi che vi propongo qui, ho bevuto un Otello NerodiLambrusco e devo dire che non m’è dispiaciuto per nulla.

Panini per hamburger

 

Precedente Girelle con carciofi crudo e parmigiano Successivo Maritozzi con la panna montata

Un commento su “Panini per hamburger

Lascia un commento


*