Involtini in umido con patate

Gli involtini in umido con patate sono uno dei piatti che sento capaci di caratterizzare al meglio questo mio piccolo blog di cucina che vuole presentare ricette preparate da un “cuochetto di casa”. Sono in massima parte cose alla portata di tutti e che si mettono a tavola senza voli pindarici d’alta cucina, ma di buon sapore e di sicura riuscita. Come tutti i secondi in umido che prevedono l’uso di patate di contorno, i tempi di realizzazione sono inevitabilmente piuttosto lunghi. Fortunatamente usando casseruole in acciaio dal fondo spesso e meglio ancor di terracotta sono ricette che non richiedono particolare attenzione durante l’esecuzione perché si lavora a fiamma bassissima evitando quasi completamente il rischio che l’alimento bruci o si attacchi. Il procedimento è simile  a quello di uno spezzatino di carne con patate, solo che qui cuociamo degli involtini e lo spessore delle fettine che avvolgono il ripieno è molto sottile.  Di conseguenza dovremo dividere la cottura in due fasi perché gli involtini saranno pronti in una decina di minuti mentre i tocchi di patate richiederanno tempi molto più lunghi per ammorbidirsi completamente e sfaldarsi in parte conferendo una bella cremosità al sugo. La farcitura degli involtini può essere la più varia, qui volendo ottenere una ricetta semplice ma gustosa ho usto del prosciutto cotto di buona qualità dotato di una spezziatura ben evidente, e un formaggio come l’Auricchio dolce gustoso senza essere troppo salato. Le patate se potete cercatele a pasta farinosa in modo che i pezzi più piccoli possano, come dicevo prima, sfaldarsi in cottura donando spessore al piatto. Non occorre praticamente altro se non poca passata di pomodoro, una cipolla dorata e un po’ d’attenzione nella chiusura degli involtini in modo che non disperdano il formaggio nel fondo di cottura restando vuoti e troppo asciutti.

 

[recipe]

 

Gli involtini in umido con patate sono un secondo piatto gustoso segnato nel sapore dalla aromaticità del prosciutto cotto e del formaggio appena stemperate dalla dolcezza delle patate, io ci vedo bene un Etna rosso Doc o un profumato Dolcetto Dogliani.

Precedente Penne ai carciofi con speck e parmigiano Successivo La piadina romagnola

Lascia un commento


*