Amatriciana … mia

 Come ho già scritto nell’articolo sulla Carbonara lungi da me l’idea di fornire anche in questo caso la ricetta “originale”, questa è la mia …mia un po’ perché mi piace il sentorino appena accennato di piccante e di cipolla , un po’ perché uso sia pancetta tesa che guanciale e perché amo con questo ricco sugo il bucatino e non gli spaghetti.  Sia come sia, riesce comunque un gran bel primo piatto e ultima notazione, non si scandalizzi nessuno, ma preferisco usare dei buoni pelati di San Marzano rispetto al pomodoro fresco, mi riesce un condimento dal sapore più deciso.

 primo piano

Ingredienti per quattro porzioni: 320 g di bucatini, 150 g metà pancetta tesa e metà guanciale, 500 g di pelati, 3 bei pugni di pecorino romano, 1\14 di cipolla dorata, 3 rondelle di peperoncino rosso fresco, 2 cucchiai d’olio d’oliva, sale qb.

 

Liberate dalla cotenna il guanciale e affettatelo a listerelle assieme alla pancetta spese Due- tre mm.

Amatriciana

Amatriciana

Rompete grossolanamente i pelati schiacciandoli coi ebbi di una forchetta.

Amatriciana

Amatriciana

Grattugiate il pecorino.

Amatriciana

Battete finemente la cipolla e il peperoncino.

Amatriciana

A questo punto siete pronti per iniziare la preparazione del sugo: Fate soffriggere in due cucchiai d’olio d’oliva gli odori e poi aggiungete le listarelle di guanciale e pancetta e rosolatele senza farle seccare troppo.

Amatriciana

Scolate le listarelle dal fondo di cottura e tenetele da parte. Versate nella padella i pomodori pelati e fateli cuocere una decina di minuti, poi date una bella spolverata di pecorino e amalgamate.

Amatriciana

Amatriciana

Quando il sugo s’è quasi ristretto del tutto unite guanciale e pancetta e lasciate cuocere altri 3- minuti facendo insaporire per bene e a questo punto aggiustate di sale.

Amatriciana

Amatriciana

Intanto i bucatini saranno cotti, scolateli al dente e fateli saltare in padella.

Amatriciana

Impiattate e servite ben calda spolverando abbondantemente di formaggio.

Amatriciana

Un rosso regionale che vi consiglio per accompagnare questo saporito, untuoso e succulento primo piatto è il Mater Matuta.

vino consigliato

 

 

 

 

Precedente Rustici fumo fuoco e fiamme Successivo Porcini trifolati

Lascia un commento


*