SPAGHETTI ALL’AMATRICIANA

Ieri, 25 Ottobre, era la giornata mondiale della pasta. Io, tra i mille giri nel traffico romano e un pò di quella svogliatezza che ti assale quando devi cucinare solo per te stessa, non ho onorato la festa.
Oggi però ho deciso di rimediare con un piatto romano tra i più famosi: l’AMATRICIANA.home made matriciana cookKing
L’amatriciana appartiene alla tradizione culinaria italiana un po’ come il riso alla cantonese a quella cinese o l’hamburger a quella americana; è una delle ricette italiane più famose e copiate, di quelle che ti propinano anche all’estero nei ristoranti che sfoggiano il tricolore.
La pasta all’amatriciana è nata ad Amatrice, un piccolo paese del lazio ai confini con l’Abruzzo e coniuga le due facce di queste fantastiche regioni del centro Italia creando una ricetta con tutto il sapore forte dell’entroterra montanaro abruzzese ma di veloce realizzazione (le ricette romanesche hanno, quasi tutte, la caratteristica di poter essere realizzate in poco tempo, pensate anche alla carbonara! Sono ricette da cena con gli amici, due chiacchiere e una pasta veloce ma sicuramente buonissima!).

La primissima cosa da sapere è che la pasta all’amatriciana richiede il guanciale, non la pancetta!!
home made matriciana2 cookKing
La pancetta, come richiama il suo stesso nome, è ricavata dalla pancia del maiale mentre il guanciale è ricavato dal muso (dalla guancia) ed ha un sapore più delicato e profumato che fa davvero la differenza. Senza guanciale non c’è amatriciana!!

Ingredienti ( per 4 persone):
400 gr spaghetti
250 gr guanciale
500 gr pomodoro (io utilizzo la polpa rustica o i pelati)
150 gr pecorino
1 peperoncino
1 cucchiaio di strutto

Procedimento:
Tagliare le fette di guanciale a striscioline lunghe ed uniformi. Mettere lo strutto nella padella e farlo scaldare a fuoco vivo. Nel frattempo cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. Versare le striscioline di guanciale e il peperoncino girando il tutto con un mestolo di legno; abbassare il fuoco e far rosolare finché il guanciale non avrà raggiunto il giusto colorito giallo dorato. Fermare la rosolatura versando il pomodoro in padella.
Lasciar cuocere il sugo per circa 10-15 minuti girando di tanto in tanto finché non raggiunge il giusto grado di densità e fluidità.
Scolare gli spaghetti al dente (lasciando da parte un po’ dell’acqua di cottura) e versarli nella padella con il sugo. Saltare il tutto per qualche minuto aiutandosi con un po’ dell’acqua di cottura (il sugo non deve essere troppo denso, ma neanche troppo acquoso) facendo in modo che gli spaghetti assorbano la salsa e se ne insaporiscano.
Versare poco alla volta il pecorino grattugiato.
Impiattare gli spaghetti con una spolverata di pecorino e servirli caldi..

Buon appetito!! 😉

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente ROTOLO GOLOSO ALLA NUTELLA Successivo AMERICAN PANCAKES

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.