CROSTATA MORBIDA ALLA MARMELLATA D’UVA

Qualche giorno fa mi sono vista arrivare a casa un fantastico barattolo di marmellata d’uva home made.
Un regalo graditissimo che mi ha ispirato questa ricettina per una  CROSTATA MORBIDA ALLA MARMELLATA semplice, buonissima e anche un po’ dietetica (ok, non esageriamo! Sto pur sempre parlando di una crostata e “dietetico” e “crostata” non sono due parole che vanno molto d’accordo! Però almeno è meno calorica della tradizionale pasta frolla..)
La ricetta che vi lascio, infatti, ha l’ardua pretesa di sostituire parte del burro (l’ingrediente principe nella preparazione della frolla) con dello yogurt. 
CROSTATA MORBIDA CON MARMELLATA DI UVA - CookKINGUn’idea strana che, devo ammetterlo, all’inizio mi ha lasciata un po’ perplessa ma poi l’ho provata e, vi assicuro, che il risultato è fantastico!! 🙂 

Ingredienti:
125 gr di zucchero
1 uovo
75 gr di burro
75 gr di yogurt bianco
300 gr di farina
½ bustina di lievito per dolci
sale
300 gr di marmellata di uva
Procedimento:
Mescolare l’uovo con lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso a cui va aggiunto il burro ammorbidito. Mescolare bene e incorporare anche lo yogurt, la farina setacciata e mescolata al lievito ed il sale. Amalgamare bene tutti gli ingredienti e formare un impasto morbido e compatto.
Lasciare riposare in frigorifero per almeno 2 ore, avvolto nella pellicola trasparente.
Dividere la pasta ed utilizzarne 2/3 per la base del dolce e la restante parte per la decorazione. Stendere l’impasto con il matterello sopra alla carta forno già di misura per la tortiera (N.B.: attenzione a non stenderla troppo sottile!).*
Sistemare questa base stesa sulla tortiera e farcirla con la marmellata..
Con la pasta frolla rimasta preparare delle striscioline sottilissime per creare il reticolato della crostata.
Cuocere in forno  a 180 gradi per 25-30 minuti, finché non si stacca dai bordi e assume un colore ambrato.*CookKING TIPS:
Questa pasta è molto morbida e tende a sgretolarsi, quindi si stende con difficoltà. Per evitare questo inconveniente si può unire poco più di farina durante la lavorazione e mentre la si stende in modo che non si attacchi al mattarello.
..Buon appetito!! 😉
Print Friendly, PDF & Email
Precedente SBRISOLONA ALLA CREMA Successivo PALLOTTE CAC'E OVE (Ricetta tradizionale abruzzese)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.