Linguine bicolori mare e monti

Ero un po’ indecisa se pubblicare questa ricetta o meno, in verità era un vero e proprio esperimento fatto con varie cose che nel frattempo erano in preparazione sulla cucina.  Pertanto le dosi non sono affatto precise, ma siccome il risultato è stato strepitoso…eccola qua.

Partiamo dagli ingredienti “scovati” in casa: avevamo dei funghi, degli steccherini (Hydnum repandum) già scottati in freezer. Son funghi buoni, ma necessitano di una scottatura un po’ particolare (va buttata via l’acqua che producono, altrimenti il sapore diventa troppo acuto). Io li ho visti mangiare sempre e solo in un sugo di accompagnamento alla polenta assieme a salsiccia e pomodoro… ma la salsiccia a casa nostra è momentaneamente bandita!

E poi c’era il baccalà che stava bollendo in pentola (sapore quasi uguale a quello della salsiccia… con moooooolta fantasia!)

Nel frattempo ho visto un programma televisivo in cui un cuoco “di mestiere” preparava degli spaghetti impiattandoli tutti belli attorcigliati….lo volevo fare anch’io! O almeno, ci ho provato, ho ancora da lavorarci ma già il piatto ha tutto un altro aspetto! Comunque per fare il “nido” di spaghetti basta prenderli con una pinza, appoggiarli sul romaiolo, girare e poi appoggiarli delicatamente sul piatto…a dirsi sembra tanto facile!

Ah e la pasta? Di due colori mi sembrava molto più intonata al binomio mare e monti…e allora linguine mezze “normali”, di semola, e mezze di farro!

Suvvia veniamo alle dosi (occhiometriche) e alla preparazione,

Linguine bicolori mare e monti

dosi per 1 persona:

– 40 g di linguine di semola di grano duro
– 40 g di linguine di farro
– 4/5 bocconcini di baccalà lesso
– 2 cucchiai di steccherini scottati
– 4 cucchiai di passata di pomodoro
– sale
– prezzemolo
– 3 olive taggiasche
– olio extra vergine di oliva

Preparazione

1. In un pentolino cuocere fino a far dimezzare la passata di pomodoro.

2. Cuocere la pasta in acqua bollente salata, anche nella stessa pentola, ma rispettando il diverso tempo di cottura.

2. Nel frattempo, in una padella versare un filino di olio e far saltare i funghi. Salare, pepare e aggiungere un cucchiaino di pomodoro.

3. In un altra padellina,far scaldare un poco di olio e poi far dorare leggermente (circa 2/3 minuti) il baccalà a pezzetti grandi come un boccone.

4. Versare il pomodoro ristretto alla base del piatto, appoggiare sopra gli spaghetti e poi il sugo di steccherini e il baccalà.  Decorare con le olive taggiasche e il prezzemolo e aggiungere un filo di olio. (Nel vostro piatto. Per il piatto del marito: mescolare tutto insieme e servire…). Buon appetito!

 IMG_4081

 

Ah dimenticavo, visto che ci sono:
Con questa ricetta partecipo al contest de Il Caffè delle Donne “Sano come un pesce”

I commenti sono chiusi.