Gelatina Brulè

In questo “lugliembre” come ha definito qualcuno la stagione dello scorso luglio, ma che a me sembra calzare ancora alla perfezione, cosa c’è di meglio di un gelato con un topping che inizia a farci pregustare l’autunno e l’inverno?

Ok per la verità qui è tempo di vendemmia, per le vigne si trova tanta uva lasciata dai macchinari che vendemmiano, nello sportello di cucina c’era una bustina di preparato per vin brulè comprato in un attimo di follia (io praticamente quasi astemia, al maritino non piacciono molto i sapori di cannella e garofano) e… è venuta fuori questa gustosa gelatina!

Gelatina brulè

Ingredienti per 4/5 vasetti da 300 gr

– 3 kg circa di uva tipo cabernet o canaiolo
– 10 gr di preparato per vin brulè (oppure un mix di cannella, chiodi garofano e buccia di arancia essiccata)
– 1 kg di zuccheri semolato
– 2 buste di pectina

1. Sterilizzare i vasetti e i relativi tappi facendoli bollire per almeno 10 minuti in un pentolone colmo di acqua. Asciugarli bene.

2. Schiccare l’uva e passare gli acini con il passatutto.

3. Inserire le spezie in un sacchettino di tulle, mettere il succo in una pentola capiente e aggiungerci il sacchettino legato ad un mestolo appoggiato sopra la pentola in modo che il contenuto non fuoriesca. Portare ad ebollizione e far raffreddare completamente (tutta la notte).

4. Filtrare il succo raffreddato in modo da eliminare la parte “opaca” ed eventuali residui delle spezie. Aggiungere al succo filtrato pectina e zucchero.

5. Portare il tutto ad ebollizione mescolando continuamente. Cuocere per almeno 15 minuti dall’ebollizione. Occorre un po’ più di tempo che con le marmellate e comunque fare sempre la prova piattino, mettendo un cucchiaino di gelatina su un piattino e valutandone la consistenza. Eventualmente aumentare il tempo di cottura.

264

6. Invasettare, chiudere i barattoli e capovolgere. Non manca che comprare il gelato o la panna montata e BUON APPETITO!

270

 Con questa ricetta partecipo al contest “La mia Marmellata” di Cucina con Xeno

 photo ebaeebcc-aac2-47d5-89ef-d0f9648c840b_zps22ad37fc.jpg

Precedente Biscotti al burro di arachidi Successivo Frollini integrali della colazione