Divin Castagne 2018

Divin Castagne 2018

Divin Castagne 2018

Divin Castagne 2018 anche quest’anno come nel 2017 torna Divin Castagne, l’appuntamento è per fine settembre. Una mostra dedicata alla valorizzazione dei prodotti agroalimentari tipici del nostro territorio e di tutta la Campania.

Divin Castagne 2018 quando e dove

Divin Castagne 2018 è una 6 giorni di gusto alla presenza di buyer italiani ed esteri, 300 produttori e 100 chef. I giorni sono dal 29 settembre al 1 ottobre e successivamente dal 6 fino all’8 di ottobre 2018.

L’ottava edizione della rassegna Divin Castagne 2018 apre i battenti il 29 settembre a Sant’Antonio Abate, in provincia di Napoli. Appuntamento fisso del periodo autunnale ed incontrastato punto di riferimento per la promozione e valorizzazione dell’intero territorio campano. Con l’attenzione ai prodotti tipici del settore agricolo e vitivinicolo, nonché della ristorazione di qualità.

Il format è stato allargato e migliorato con un percorso dedicato al food&wine con 100 chef e numerose cantine. Queste, in tutte le serate, faranno degustare elaborate ricette in perfetto abbinamento col vino.

In questo modo i produttori avranno la possibilità di mettersi in mostra in una vetrina internazionale. Un modo per puntare alla promozione verso l’estero dei prodotti della filiera agroalimentare della Campania.

Gli stand enogastronomici saranno aperti in tutti i sei giorni dalle 19 alle 24, mentre il 30 settembre. Inoltre è in programma un pranzo di beneficenza a favore delle popolazioni africane.

Divin Castagne 2018 non solo vino e castagne

Divin Castagne 2018, un mondo fatto di musiche, profumi e sapori e della tradizione, accompagnato dalla voglia di valorizzare la nostra terra. Attraverso un percorso che guiderà i partecipanti alla scoperta dei nostri prodotti di eccellenza. Vini di alta qualità, formaggi, prodotti di pasticceria e di alta cucina, in un perfetto abbinamento.

Divin Castagne 2018Tra i vini presenti ricordiamo quelli più rinomati, come il Lacryma Christi, l’Aglianico nelle sue varie versioni igt, doc e docg. Come il famoso Taurasi o Campi Taurasini. Non mancherà il pregiato Fiano di Avellino docg prodotto dall’emergente azienda” Macchia dei briganti” di Montefalcione.

La novità di quest’anno è rappresentata dalla presenza del Workshop B2B per permettere ai produttori di avere contatti con buyer nazionali ed esteri. Allo scopo di presentare le proprie eccellenze e farle degustare attraverso le specialità culinarie preparate dagli Chef, abbinate ai vini.

Inoltre, la manifestazione propone vari spazi di informazione e di approfondimento sul mondo della ristorazione e della produzione delle eccellenze enoiche regionali. Con interviste ai produttori a cura di esperti giornalisti enogastronomici nazionali, tra i quali Luca Boccoli, Sandro Sangiorgi e Luciano Pignataro.

Precedente Ciak Irpinia 2018, la vendemmia va in scena Successivo MONTEDIDIO RACCONTA