Ciak Irpinia buona la prima – edizione 2017

Ciak Irpinia buona la prima – edizione 2017

 

Ciak Irpinia buona la prima
Ciak Irpinia buona la prima

 

Un grande successo! Questo il parere degli addetti ai lavori di Ciak irpinia buona la prima  a cominciare dal gruppo di giornalisti delle più importanti testate del settore, dai rappresentanti delle cantine partecipanti, nonché dal nutrito gruppo di assaggiatori internazionali. Tutti hanno narrato le lodi ad un prodotto di eccellenza, come i vini Irpini. Stiamo parlando di Ciak Irpinia buona la prima, una kermesse organizzata dal Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia, che si è tenuta mercoledì 24 Maggio 2017, presso il Castello Marchionale di Taurasi.

Ciak irpinia buona la prima: cosa?

Un modo per unire il “mondo del vino”, tutto insieme intorno allo stesso tavolo. Nello stesso auditorium, (Video) per gustare quei sapori unici, di una terra che da sempre vive di profumi di aromi e passioni. Una terra che lascia in eredità le sue ricchezze, la sua cultura, le sue aspirazioni, tutti i sogni di quelle generazioni che l’hanno vissuta. Ciak Irpinia buona la prima è stata una passerella esclusiva, raffinata ed elegante. Così è stata definita dal prof. Luigi Moio, dando un illustre contributo alla riuscita della stessa. Un ruolo di “star indiscusse” sono state le tre Docg, come il Taurasi, il Fiano di Avellino ed il Greco di Tufo. Senza sminuire i pregiati Doc, come l’Aglianico doc Irpinia e la Falanghina.

Il primo evento di questo genere organizzato in Irpinia, ha dato a tutti i partecipanti, la possibilità di assaggiare le migliore etichette scelte, dalle oltre 40 aziende presenti. Ciak Irpinia buona la prima ha aperto un nuovo capitolo nella storia del vino in Irpinia. Con la sua eleganza, ha saputo conquistare il favore della critica e di tutta la stampa internazionale. Nell’occasione, tutti hanno avuto modo di conoscere un territorio unico, dove vengono prodotti dei vini unici al mondo. “La presenza sia dei grandi che dei piccoli produttori”, ha detto Carmine De Vito, responsabile della cantina Macchia dei briganti, “mi ha fatto capire che ciò che conta veramente, non è la dimensione o la quantità, ma è la qualità e la genuinità dei nostri prodotti, dei vini Irpini. Vini che solo grazie ad una strategia condivisa e alla nostra tenace passione, riusciamo ad ottenere”.  

Ciak irpinia buona la prima: risultati

Ciak Irpinia buona la prima, ha visto in degustazione le annate 2016 per i bianchi, e 2013 per i rossi. Una commissione di tecnici e di enologi esperti, guidati dal prof. Luigi Moio, hanno selezionato le migliori etichette. Questa mattina sono state sottoposte al giudizio della stampa specializzata, che ne ha riconosciuto l’elevata qualità dei vini. Visto il positivo riscontro che ha registrato la prima manifestazione, Ciak Irpinia buona la prima “sarà ripetuta il prossimo anno, ma arricchita di nuovi elementi”, ha detto Giuseppe Iannone, che è uno degli esponenti del consorzio, anche organizzatore della kermess. “Ciak Irpinia buona la prima è stato un successo, abbiamo dimostrato quanto è importante collaborare. Il Consorzio sta lavorando nella giusta direzione e la giornata di oggi ne è testimone esemplare”.

Ciak Irpinia buona la prima
Ciak Irpinia buona la prima
Successivo Consorzio tutela vini d'Irpinia

Un commento su “Ciak Irpinia buona la prima – edizione 2017

I commenti sono chiusi.